in

Woody Allen in concerto al Blue Note di Milano

Woody Allen in concerto al Blue Note di Milano

Il celebre regista e premio Oscar Woody Allen si esibirà al Blue Note di Milano il prossimo 6 e 7 settembre, regalando al pubblico due imperdibili concerti con la sua New Orleans Jazz Band.

Woody Allen in concerto al Blue Note di Milano

Per oltre quarant’anni, Allen ha affascinato gli appassionati di jazz con un mix di ispirazione New Orleans, tratto dagli indimenticati maestri come Sidney Bechet, George Lewis, Johnny Dodds, Jimmie Noone, Jelly Roll Morton, Bunk Johnson e Louis Armstrong. Le sue performance eleganti e coinvolgenti non mancheranno di incantare gli spettatori del celebre tempio del jazz milanese.

Il loro vasto repertorio spazia oltre le 1200 canzoni, che abbracciano una varietà di stili, tra cui melodie popolari, inni, spiritual, marce, blues e rags del secolo scorso. La loro irreverente improvvisazione rende lo spettacolo unico, in cui anche i musicisti non sono a conoscenza della prossima richiesta musicale di Allen. La loro spontaneità rispecchia la vera essenza della musica, che vive e respira attraverso di loro. Con la loro maestria e creatività, regalano ai loro ascoltatori un’esperienza memorabile e coinvolgente.

Per un quarto di secolo, il gioioso ensemble si è esibito ogni lunedì sera presso il celebre Carlyle Hotel di Manhattan, facendo storcere i piani ad Allen stesso che ha rifiutato un premio Oscar per non mancare allo spettacolo. Nel 1996, i musicisti hanno intrapreso il loro primo tour europeo, che è stato immortalato sul grande schermo attraverso il documentario premiato con l’Oscar ‘Wild Man Blues’.

What do you think?

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Loading…

0
Colazione al bar in pigiama con i bassotti: l'evento

Colazione al bar in pigiama con i bassotti: l’evento

Mostra Siamo Foresta

Mostra Siamo Foresta alla Triennale