San Vittore Olona, cerca di far esplodere la palazzina e si impicca

Condividi su Facebook

Non era riuscito a superare la separazione dalla moglie, a causa della quale soffriva da tempo di depressione. Molto probabilmente per questa ragione un uomo di San Vittore Olona alle porte di Milano, 50 anni, ha deciso di farla finita. Scegliendo di provare a togliersi la vita in un modo estremo, cercando cioè di far saltare in aria l’intera palazzina nella quale viveva.

Drammatico gesto alle porte di Milano

Il 50enne ha così dato fuoco ad un divano all’interno del suo appartamento, accanto al quale poco prima aveva posizionato due taniche piene di benzina, oltre a quattro bombole di gas. Solo dopo si è impiccato; fortunatamente i vicini di casa hanno sentito un forte e sempre più insopportabile odore di bruciato provenire dall’abitazione dell’uomo e, preoccupati, hanno chiamato i vigili del fuoco. Un gesto questo che ha permesso di scongiurare il peggio: l’immediato intervento dei pompieri ha permesso di fermare l’incendio prima che le fiamme raggiungessero le taniche e le bombole di gas, evitando di fatto una strage.

Soccorsi sul posto

L’incendio è divampato in via Matteotti, al terzo piano della palazzina, intorno alle 16.30 del 17 settembre. Per consentire le operazioni di soccorso è stata interamente chiusa la via; per il 50enne, G.P., non c’è stato nulla da fare. Oltre ai vigili del fuoco, sul posto sono giunti anche i Carabinieri, un’automedica ed un’ambulanza della Croca bianca proveniente da Legnano.

Newsletter

Resta aggiornato sui migliori eventi in città. Vivi la tua #milanolife

Accetto il trattamento dati secondo i termini definiti da MailChimp ( ulteriori informazioni )

Dati utilizzati unicamente per erogare il servizio e non saranno utilizzati per altri fini ne ceduti a terzi. Puoi effettuare la cancellazione in qualsiasi momento

Condividi su Facebook

Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.