Connect with us

Arte

Perché Via Moscova si chiama così?


Pubblicato

il


3333

A volte le vie hanno nomi particolari, che non sempre corrispondono al vero significato del nome stesso, è il caso di Via Moscova. Infatti se il nome di Corso Venezia deriva dal fatto che attraversando Porta Venezia, si arrivava proprio alla città di Venezia e Porta Romana perché portava a Roma, via della Moscova deve il suo nome a ben altro motivo.

LEGGI ANCHE: Perché il Teatro alla Scala si chiama così?

Advertisements

Via della Moscova un tempo di chiamava Via Santa Teresa, ma Napoleone Bonaparte decise di cambiarle il nome in memoria di una sanguinosissima battaglia combattuta dalla Grande Armata durante la campagna di Russia del 1812, dove gli italiani sfoggiarono il loro valore. Il 7 settembre 1812, la Grande Armée napoleonica, che aveva iniziato il suo attacco alla Russia nel mese di giugno, si scontrò con l’esercito russo, guidato dal generale Kutusov, nella località di Borodino, non distante da Mosca. Fù un terribile scontro frontale, nel quale risultarono coinvolti, in totale, oltre 250.000 uomini e che costò a entrambe gli eserciti circa un terzo dei loro effettivi tra morti, feriti, dispersi e prigionieri.

Restano forti dubbi, tra gli storici, sulla decisione di Napoleone di impegnarsi in un oneroso attacco frontale contro le truppe russe, ben trincerate. E’ possibile che egli cercasse di distruggere l’esercito russo e poi di entrare nella vicina Mosca, ciò che pensava avrebbe segnato la fine della campagna, prima dell’arrivo dell’autunno e del temuto inverno russo. Se questo era il piano, si deve dire che esso riuscì solo in parte, perché la terribile “battaglia d’incontro” ci fu, ma per i russi – che pure uscirono sconfitti, abbandonando il terreno – fu poco più distruttiva che per la Grande Armata.

L’area in antichità, era a prevalenza agricola trovandosi fuori dalle mura medievali. Quando la città si espanse al punto da richiedere una nuova cinta muraria difensiva, naturalmente si ritrovò all’interno dell’area protetta, cambiando destinazione col passare del tempo. Qui vi erano alcune sepolture, come quelle ritrovate dopo le indagini archeologiche del 2004, che evidenziarono la sacralità del luogo. Quindi al posto di un cimitero sorsero i conventi con chiesa barocca dei Santi Teresa e Giuseppe (convento delle suore carmelitane), oggi sede della Mediateca e il più vasto complesso conventuale dei carmelitani scalzi, entrambi utilizzati per lungo tempo, dopo le soppressioni, come magazzini e l’industria della manifattura tabacchi.

Le indagini archeologiche hanno riportato alla luce i resti strutturali della chiesa di San Carlo e dell’annesso monastero dei carmelitani scalzi, documentati nelle principali carte storiche cittadine. Le fonti storiche ci informano che i carmelitani scalzi si stabilirono nella zona nel gennaio 1614, grazie all’intercessione del cardinale Federico Borromeo. Seguì nel settembre del 1615, la posa della prima pietra della chiesa di San Carlo, come riporta una lapide in marmo rinvenuta nel corso dello scavo archeologico riutilizzata nelle murature nella fase industriale del complesso.

Con la soppressione degli ordini religiosi e le conseguenti confische da parte di Napoleone, il complesso di San Carlo mutò destinazione funzionale e venne adibito a magazzino e sede di impianti produttivi diversi. Tali fattori comportarono modifiche strutturali e variazioni d’uso degli ambienti, ben documentate dalle indagini. In questa fase è inoltre documentato lo scavo di un canale, connesso forse alle lavorazioni, e la costruzione di una nuova strada ad accesso all’area.

Nella zona sottostante l’abside e il transetto ovest della chiesa, lo scavo ha rilevato tracce di attività fusoria e lavorazione dei metalli. Sono stati infatti rinvenuti un largo forno per il trattamento dei materiali e scarichi di scorie della lavorazione del ferro e del rame. Le analisi metallografiche sugli scarti hanno permesso di stabilire che in questa struttura fusoria si svolgevano processi metallurgici specializzati nel recupero dei residui della lavorazione dell’argento. L’impianto di un opificio metallurgico per l’epoca tecnologicamente avanzato, doveva essere collegato alla nuova zecca (1777), situata nella casa del Cavalchina a Porta Nuova, con ingresso da via della Moscova. Il forno era quindi parte integrante del nuovo laboratorio di partizione i fine azione che il governo francese nel 1801 volle nazionalizzare e riunire alla zecca. Dopo la confisca napoleonica, fu proprio la sconsacrata chiesa di San Carlo che venne scelta per tali specializzate lavorazioni.

Nel 1802 il complesso religioso, già convertito in epoca napoleonica in magazzino e laboratorio metallurgico, subisce ulteriori trasformazioni con la costruzione dell’aria della reggia Manifattura Tabacchi, per la fabbricazione di tabacco da pipa, sigari e infine sigarette.

Oggi in questa via della Moscova ci si va per diversi motivi. Qui sorge la sede della Direzione Regionale delle Entrate per la Lombardia, ma ci sono anche tanti locali, adatti a tutti i gusti. Dagli amanti della moda agli alternativi, dall’osteria casereccia al ristorante di lusso. Su Via della Moscova si trova anche la Chiesa di Sant’Angelo e l’annesso Convento francescano dei Frati Minori. La chiesa, dalla facciata semplice, sul sagrato ospita una fontana ottagonale di acqua solforosa, conosciuta dai milanesi anche con il nome di “acqua marcia”.

Ma soprattutto in via della Moscova trova sede, nella chiesa sconsacrata di Santa Teresa, la Mediateca Santa Teresa, dove è ospitata la Biblioteca Nazionale Braidense: un luogo di informazione e formazione all’avanguardia, destinato a un pubblico esigente che vuole poter fruire, oltre che dalle fonti tradizionali, anche da fonti documentarie elettroniche e digitali, importantissime per stare al passo con i tempi.

Newsletter

Resta aggiornato sui migliori eventi in città. Vivi la tua #milanolife

Accetto il trattamento dati secondo i termini definiti da MailChimp ( ulteriori informazioni )

Dati utilizzati unicamente per erogare il servizio e non saranno utilizzati per altri fini ne ceduti a terzi. Puoi effettuare la cancellazione in qualsiasi momento

Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Arte

Mostra Disney Mudec Milano: L’arte di raccontare storie

Pubblicato

il

Un viaggio straordinario, magico e approfondito quello della mostra al Mudec, il Museo delle Culture di Milano dedicata ai capolavori dei film d’animazione Disney. Uno sguardo esplorativo e incuriosito dietro le quinte per vedere come nascono i film, a partire dagli straordinari artisti che riescono a dare vita a racconti che entreranno per sempre nella storia. Una mostra che affascinerà bimbi ed adulti, perchè le magiche storie raccontate dalla Disney sono senza tempo. Dal 19 febbraio al 13 settembre 2020.

Mostra Disney Mudec Milano

Gli Studios della Disney sono riusciti a riprendere, analizzare, rielaborare ed infine animare storie molto antiche. Hanno creato personaggi iconici e sempre al passo coi tempi, che riassumono caratteri specifici e senza tempo. Sono stati in grado di realizzare mondi incantati che affrontano con semplicità, e talvolta umorismo, tematiche importanti e sempre attuali.

Advertisements

Mentre i messaggi che trasmettono rimangono sempre validi anche con il trascorrere del tempo, le tecniche per realizzare i film d’animazione si sono evolute nel corso dei decenni.

Per quanto il loro messaggio sia rimasto inalterato nel tempo, le tecniche e i metodi narrativi si sono evoluti. L’esposizione darà la possibilità a bambini e adulti di esplorare il dietro le quinte dei capolavori Disney e comprendere come nasce un film di animazione.

Biglietti

I biglietti per visitare le mostre possono esser acquistati direttamente presso il museo oppure attraverso il sito internet ufficiale del Mudec.

Intero:

Ridotto:

(Visitatori dai 14 ai 26 anni, over 65, persone con disabilità (Legge 104), insegnanti, militari, forze dell’ordine non in servizio, studenti della 24 Ore Business School, dipendenti Ferrovie dello Stato in possesso di badge aziendale, soci Coop con tessera e dipendenti in possesso di badge aziendale, possessori dell’abbonamento mensile e annuale Trenord (previa esibizione tessera e ricevuta di acquisto), accompagnatore possessore Mudec Membership Card, possessori Rinascente Card e dipendenti con badge aziendale.)

Speciali Riduzioni:

Dipendenti Comune di Milano con badge nominale (un solo eventuale accompagnatore al seguito € 6,00), volontari Servizio Civile Nazionale o operanti presso il Comune di Milano muniti di tesserino, giornalisti con tesserino ODG con bollino dell’anno in corso non accreditati (non si accredita sabato, domenica e festivi), possessori abbonamenti annuali ai servizi di ATM e dipendenti ATM in possesso di badge aziendale, dipendenti Deloitte in possesso di badge aziendale (1 accompagnatore a € 6,00), accompagnatore possessore Deloitte Guess Card. Dipendenti Gruppo 24 Gruppo (3 accompagnatori al seguito a € 6,00). Tutti i martedì gli studenti universitari muniti di tesserino senza limiti di età (esclusi giorni festivi).

Bambini 6 -13 anni:

Gratis: (Minori di 5 anni, guide turistiche italiane munite di tesserino di abilitazione (no salta coda), giornalisti con tesserino ODG previo accredito presso l’Ufficio Stampa (scrivere con almeno 24 ore di anticipo a: elettra.occhini@ilsole24ore.com specificando la testata e il giorno della visita. Non si accredita nel weekend e nei festivi.), 1 accompagnatore per persone con disabilità che presentino necessità e regolare documentazione, possessori di Mudec Membership Card (eventualmente accompagnatore al seguito € 8,00), possessori Deloitte Guest Card (1 accompagnatore a € 6,00).

Orari

La mostra è visitabile dal 19 febbraio al 13 settembre 2020. Il Mudec, Museo delle Culture, apre il lunedì dalle 14.30 alle 19.30. Martedì, mercoledì, venerdì e domenica dalle 09.30 alle 19.30. Giovedì e sabato dalle 09.30 alle 22.30. L’ultimo ingresso è previsto un’ora prima.

L’accesso agli animali è consentito solo al piano terra del museo. Non è consentito in nessuno degli spazi espositivi a tutela delle opere esposte.

Card: Il museo dà la possibilità di acquistare la Mudec Card, un abbonamento. La card è nominale, non può essere ceduta e deve essere utilizzata unitamente ad un documento d’identità. Ha validità annuale dal giorno dell’acquisto. La card dà diritto ad ingresso gratuito, con salto coda, a tutte le mostre per il titolare e ridotto per un accompagnatore. L’abbonamento da diritto anche a 10% di sconto al Bistrot e 5% di sconto al Design Store. Costa 82,00 € ed è acquistabile presso la biglietteria del Museo delle Culture. C’è anche la possibilità di utilizzare la Promo 2×1 Freccia Rossa, ovvero acquistare online un biglietto INTERO con Carta Freccia e ritirare l’omaggio in biglietteria il giorno della visita.

Come arrivare al Mudec

La sede del Mudec, il Museo delle Culture di Milano, è una delle zone oggetto, negli ultimi anni di una progressiva rinascita e riqualificazione di vecchi capannoni o fabbriche industriali. La zona oggi è una delle più in voga della città, densa di moda, design e aperitivi. Parcheggiare in zona Tortona perciò non sempre è facile. Il Mudec è uno dei pochi musei ad essere dotato di un parcheggio a pagamento aperto 24 ore su 24. La tariffa oraria è di € 2,50, mentre quella giornaliera  è di € 35,00.

LEGGI ANCHE: Mudec Milano dove parcheggiare

Newsletter

Resta aggiornato sui migliori eventi in città. Vivi la tua #milanolife

Accetto il trattamento dati secondo i termini definiti da MailChimp ( ulteriori informazioni )

Dati utilizzati unicamente per erogare il servizio e non saranno utilizzati per altri fini ne ceduti a terzi. Puoi effettuare la cancellazione in qualsiasi momento

Continua a leggere
Advertisement

Popolari