in

Moto Sharing a Milano: ecco MiMoto

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Prima il car sharing, poi il boom del bike sharing, ora a Milano arrivano anche i motorini in condivisione grazie all’idea di tre studenti under 35: ecco MiMoto.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Milano sempre più “sharing”

Nato dalla bella intuizione di tre studenti fuori sede under 35, MiMoto è un servizio di moto (motorini a dire il vero) in condivisione per la città di Milano. Questo nuovo “sharing” si va ad aggiungere a quelli di auto, ormai presenti da anni e biciclette, che grazie a Ofo e Mobike sta conoscendo in questi mesi un vero e proprio boom.

Un’idea leggera e “green”

I motorini di MiMoto sono gialli, leggeri e soprattutto green (cioè elettrici)! Il servizio nato da menti giovani si rivolge soprattutto a loro, i ragazzi e studenti che affollano Milano e hanno bisogno di mobilità e libertà per gli spostamenti di studio o lavoro. Grazie alla loro maneggevolezza, i motorini gialli sono pensati e perfetti soprattutto pe le ragazze.

Il “peso” di Enjoy

Sulla scena milanese si era già vista un’idea di moto sharing targata Enjoy. Gli scooter a tre ruote però, dopo un periodo di attività e noleggi non proprio entusiasmanti, a luglio sono spariti dalla città. A penalizzare questa prima idea, infatti, proprio le eccessive dimensioni e quindi la scarsa maneggevolezza e comodità dei mezzi messi a disposizione.

Prelievo e rilascio libero

La flotta MiMoto conta al momento 100 motorini che però entro un anno arriveranno almeno a quota 500. I mezzi sono a prelievo e rilascio libero e il servizio è accessibile tramite un’apposita App. Il costo dei motorini in condivisione è di 23 centesimi al minuto e di 9 centesimi per la sosta, una tariffa oraria di 6,90€ e un forfait giornaliero di 29,90€.

Le parole dei 3 fondatori

“Si tratta di uno scooter leggero – spiegano Alessandro Vincenti, Vittorio Muratore e Gianluca Iorio, i tre ideatori del servizio – che offre una soluzione economica a chi vuole muoversi in città in modo veloce e green. Il mezzo è completamente made in Italy, grazie alla tecnologia sviluppata dall’azienda Askoll di Vicenza”.

Come funziona MiMoto

Abbiamo già accennato all’esistenza di una App dedicata. Una volta effettuato l’accesso, vengono geolocalizzati gli scooter più vicini alla propria posizione. Con un semplice click si prenota il proprio mezzo, raggiungibile poi in massimo 20 minuti. Una volta sul posto basta inserire nell’App l’apposito PIN e indossare sottocasco e casco. Con MiMoto si può girare per tutto il centro cittadino delimitato dalla circonvallazione esterna e si estende fino alle principali zone frequentate da studenti e universitari. Prossimamente è più che probabile che arrivino apposite convenzioni con tutti i maggiori atenei milanesi.

 

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Caricando...

0

Smog a Milano: domani blocco delle auto inquinanti

Derby da impazzire: decide la tripletta di Icardi