A Milano negli ultimi giorni si è registrato un vero e proprio boom di richieste di vaccino contro la meningite, con 560 appuntamenti a settimana di cui 215 appuntamenti per bambini tra Fatebenefratelli, Sacco, Buzzi San Paolo e Niguarda.

L’aumento di richieste è stato registrato inseguito alla decisione della Regione Lombardia di offrire, a partire da Gennaio 2017, il vaccino per gli adulti contro il meningococco C e B, nonché quello quadrivalente che copre contro A,C, Y e W135, ad un prezzo scontato. Decisione accolta dalla popolazione milanese con gran fervore.

Le vaccinazione inizieranno il prossimo 30 gennaio, ma le prenotazioni nelle varie strutture della città sono aperte da mercoledì 11 gennaio. Nel giro di una settimana le richieste sono state così tante che ad oggi i primi appuntamenti disponibili per il vaccino contro il meningococco C sono per dicembre 2017 e quelle contro il meningococco B a ottobre. Di qui, la decisione dell’Ats di Milano, l’ex Asl che coordina le vaccinazioni in città, di potenziare l’offerta. E di aumentare di molto gli appuntamenti: dai 168 che erano stati inizialmente fissati (distribuiti nei cinque ospedali dove sono stati aperti degli ambulatori) a 560.

“L’eccessiva richiesta di prestazioni aveva fatto emergere difficoltà oggettive in quanto i tempi per effettuare la vaccinazione erano arrivati a dicembre – conferma l’assessore regionale al Welfare della Lombardia, Giulio Gallera – con la collaborazione di tutte le strutture milanesi, è stata subito avviata una nuova programmazione per prevedere un incremento dell’offerta”. Finora, le prenotazioni fissate per il solo territorio di Milano sono 5.500: “Nonostante l’assenza di emergenza sanitaria – spiega Gallera – Regione Lombardia si sta muovendo come al solito per rispondere a un bisogno dei cittadini implementando un servizio offerto. Mi preme ribadire però che si tratta solo di un servizio aggiuntivo, in quanto se esistesse una reale minaccia per la collettività le vaccinazioni verrebbero effettuate gratuitamente e in tempi adeguati”.

Da quest’anno il vaccino contro la meningite costa: 20,07 euro per quello contro il meningococco C, 83,29 quello contro il B e 44,27 quello quadrivalente. La manovra prevede che la Regione acquisti direttamente, ‘all’ingrosso’ e quindi ad un prezzo ridotto, i vaccini, che poi vengono somministrati negli ospedali. Finora, chi voleva vaccinarsi contro la meningite, esclusi i bambini, per i quali le vaccinazioni anti meningococco C sono gratis dal 2005, doveva avere la prescrizione medica, acquistare il medicinale in farmacia, con costi sopra i 100 euro per ogni dose e tornare poi dal dottore per la somministrazione, versandogli una parcella per la prestazione.


Leggi anche:  Meningite, dove prenotare il vaccino a Milano


 

 

Newsletter

Resta aggiornato sui migliori eventi in città. Vivi la tua #milanolife

Accetto il trattamento dati secondo i termini definiti da MailChimp ( ulteriori informazioni )

Dati utilizzati unicamente per erogare il servizio e non saranno utilizzati per altri fini ne ceduti a terzi. Puoi effettuare la cancellazione in qualsiasi momento

Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.