in

La storia del conteggio delle carte del Blackjack

C’era una volta un casinò sospettato dei suoi contatori di carte. All’interno del casinò, c’era molta battaglia mentale in corso con i giocatori che osservavano attentamente le loro carte e il vassoio degli scarti. Ogni giocatore prendeva una decisione e anche se alla fine vinceva o perdeva, prima il Pit li osservava sempre e aveva un grande potere. La fossa potrebbe identificare qualsiasi giocatore e ha reso un disservizio a seconda del loro profilo. D’altra parte, i giocatori non erano inattivi.

Hanno anche fatto il più possibile contro il banco. Questa era una classica immagine della vecchia situazione dell’industria del gioco d’azzardo. I casinò hanno continuato a offrire giochi che potevano potenzialmente perdere senza mai sentire la necessità di creare uno schema per impedire ai giocatori di vincere. Ma ovviamente è una situazione equa in cui entrambe le parti potrebbero vincere e perdere. Ma tieni presente che i casinò online non sono mai veramente persi. Uno di quei giochi in questione era il Blackjack!

Il blackjack

Il Blackjack è un gioco nato in un’area compresa tra Francia e Spagna. Tuttavia, alcuni documenti affermano che la Spagna è la “casa originaria” del Blackjack. Questi record in realtà riportano diversi tipi di giochi che sono considerati la “famiglia del Blackjack”. Ad esempio Trente-un, Sette e Mezzo, Quinze e così via, con lo spagnolo Trente-un considerato il più antico.

Tutti i giochi della famiglia del Blackjack funzionano allo stesso modo, ovvero pescano il più vicino possibile a un certo valore. Certamente senza fallimento. Alcuni di questi giochi utilizzano un asso che può variare da uno a undici. Blackjack è stato chiamato dagli americani anche se il nome non ha nulla a che fare con il gioco stesso. Una caratteristica del Blackjack che rende questo gioco uno dei pochi giochi in grado di battere il banco è il permesso ai giocatori di vedere la carta scoperta del banco prima ancora di fare una puntata. Il primo Blackjack è apparso probabilmente circa cento anni fa a New Orleans, nel 1820 per la precisione. Negli Stati Uniti, il Blackjack è anche spesso indicato come il gioco del 21 e una delle famose figure del Blackjack è Eleanore Dumont, una donna americana. Considerando che il Blackjack della banca è stato fondato per la prima volta nel 1931 in Nevada. È stato un pioniere e dopo la sua fondazione, sono stati ideati standard di gioco e controllo.

Passarono diversi decenni e durante quel periodo c’erano molti giocatori famosi e alcuni di loro scrissero libri sul Blackjack come Baldwin, Maisel, Cantey e McDermott che scrissero su Giocare a Blackjack per Vincere nel 1957.

Edward O. Thorp

Ma nessuno era più importante di Edward O. Thorp nel calcolare tutte le probabilità del Blackjack. Ed era una persona con un grande interesse per la matematica. Ha usato la sua esperienza per calcolare le probabilità del Blackjack ei risultati dei calcoli e delle conclusioni sono stati pubblicati nel 1962 in un libro intitolato Beat the Dealer. Il libro è considerato da molti fan del Blackjack il più importante libro sul Blackjack.

Ed ha creato quello che ha definito il “sistema del blackjack a dieci conteggi”. Era un sistema di calcolo con 16 e 36 come due numeri iniziali che rappresentavano ciascuno dozzine di altre carte nel mazzo. Quando esce la carta, devi fare un conto alla rovescia e dividerlo per il conteggio rimanente dell’altra persona e il conteggio delle decine rimanenti. Fallo finché non ottieni il rapporto Thorp. Questo è il rapporto che Ed ha inventato per mostrare il vantaggio del giocatore e il momento giusto per aumentare l’importo della scommessa. Se applichi questi calcoli a un gioco con otto mazzi, otterrai un enorme vantaggio.

Anticipazione fatta dai casinò

I casinò hanno anticipato il Thorp’s Ratio modificando alcuni giochi, ad esempio i giochi a mazzo singolo in giochi con due o quattro mazzi. Ma allo stesso tempo, stavano aggiungendo più tavoli per accogliere l’aumento del numero di giocatori.

Hi-Lo-Count

Questo è un sistema di calcolo creato da Harvey Dubner, un informatico. Fu assistito da Julian, un programmatore, e il loro lavoro divenne parte della seconda edizione del libro di Thorp (Beat the Dealer second edition) che fu pubblicato nel 1966. Questo calcolo basato su computer portò i giocatori al livello successivo dove potevano attaccare il croupier anche se ci sono state modifiche ai giochi.

Grandi giocatori


Abbiamo Al Francesco che nel 1971 allenava attivamente altri giocatori, uno dei quali era Ken Uston che poi pubblicò “The Big Player” 6 anni dopo. Il libro influenza molti giocatori di Blackjack ancora oggi.

Stanford Wang

Un’altra persona, estranea alle figure di cui sopra, Stanford Wong ha creato nel 1975 un libro intitolato Professional Blackjack. Ha offerto due strategie di sua creazione, il conteggio a ritroso e il salto da un tavolo all’altro. Il punto è basare un conteggio positivo quando si entra nella scarpa in modo da evitare la minaccia di oscillazioni di scommesse selvagge.

Storia fatta da Atlantic City

Era un casinò con un concetto di resort aperto al pubblico nel 1978. Hanno fatto un esperimento di 2 settimane per testare cosa succederebbe se lasciassero indisturbati i contatori di carte. E hanno scoperto che correre è molto redditizio per i casinò. Il casinò è stato citato in giudizio da Ken Uston e ha perso. Era la prima volta che un casinò Blackjack veniva sconfitto dal tribunale.

La squadra di blackjack del MIT

Nel 1979 al Massachusetts Institute of Technology (MIT) si formò una strana idea per ricercare cosa fosse il gioco d’azzardo e vincerlo. Questa idea non è uno scherzo, il MIT sta cercando di trovare studenti bravi a giocare d’azzardo. L’obiettivo è guadagnare dai risultati del gioco d’azzardo nei casinò di tutto il mondo. Quindi furono eletti sei studenti del MIT che in seguito formarono il MIT Blackjack Team nel 1980. Dopo aver formulato una tecnica di scommessa, i sei membri del MIT Blackjack Team volarono ad Atlantic City per visitare tutti i casinò durante le vacanze estive. Inevitabilmente i sei studenti universitari divorarono i soldi di ogni casinò e vinsero continuamente. Sono diventati ricchi dall’oggi al domani.

Il mazziere può ancora essere battuto

Fino ad ora, ogni casinò può essere battuto, anche se non sempre alla maniera di Thorp e Francesco. Dopotutto, i casinò non sentono di doverlo bloccare. Per ogni perdita, c’è una vincita per i casinò, quindi in generale il Blackjack non cambia in modo significativo la proporzione delle vincite ottenute dai casinò.

What do you think?

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

For security, use of Google's reCAPTCHA service is required which is subject to the Google Privacy Policy and Terms of Use.

I agree to these terms.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Loading…

0
Pasqua Pasquetta cosa fare Milano

Pasqua e Pasquetta: cosa fare a Milano 2023

Workshop “Kate for a Day – A Royal Training” a Milano