Connect with us

Cronaca

Incidente col tram a Milano: ventottenne perde la gamba. Le sue parole

Pubblicato

il

Incidente a Milano tra un tram e un motorino. Il fatto è avvenuto il 17 maggio intorno alle 14.30 in via Montegani a Milano all’angolo con piazza Abbiategrasso. Il ragazzo coinvolto è un ventottenne, fattorino di “Just eat, noto servizio veloce di consegna pasti. I tram coinvolti, appartenenti alla linea 3, sono stati due. Il giovane cercando di effettuare velocemente una consegna, secondo le ricostruzioni, avrebbe effettuato un sorpasso senza controllare la direzione opposta. Accortosi troppo tardi dell’errore non è riuscito a deviare, finendo schiacciato sotto uno dei due tram.

La disgrazia

Atm: tram a Milano, immmagine generica. Foto ANSA/Roberto Ritondale

L’uomo, cercando di velocizzare la sua consegna, ha effettuato un sorpasso azzardato sulla sinistra del tram della linea 3 diretto verso il centro della città. Fatalità o distrazione, il ragazzo non ha controllato la direzione opposta. Nel senso opposto un altro tram era in arrivo. Quando se ne è reso conto non è riuscito ad invertire la rotta. Scivolando è rimasto schiacciato sotto uno dei tram.

Sul posto, per liberargli l’arto incastrato, sono intervenuti i vigili del fuoco, la polizia locale e i soccorritori del 118. Una volta estratto è stato immediatamente trasportato in codice rosso al Policlinico. Qui i medici, constatata la gravità della situazione, si sono visti costretti ad intervenire in maniera drastica. Il ragazzo ha subito l’amputazione della gamba dal ginocchio in giù.

Sul luogo del sinistro

Nel frattempo, sul luogo dell’incidente, un passante ha reagito in maniera motiva all’incidente. Si sarebbe dunque recato dal cinquantaduenne conducente del tram e lo avrebbe colpito con un pugno. L’uomo, già in stato di shock per la disgrazia a cui aveva appena preso parte, è stato portato in codice verde all’ospedale San Paolo.

La tratta stradale ha subito numerosi ritardi. L’ATM, l’azienda dei trasporti milanesi, si è mossa in fretta per trovare un’alternativa per permettere ai cittadini di completare i loro percorsi. Sono stati istituiti servizi di autobus alternativi per ovviare all’incidente.

Reazioni

La notizia, rimbalzata sul web, è giunta fino alle orecchie dei sindacati. Luca Stanzione, il segretario generale della Filt Cgil di Milano, si è scagliato contro le aziende che utilizzano i riders. Nessuna tutela per chi presta questo servizio – è stata la denuncia. A fargli eco segretario generale Cgil Milano, Massimo Bonini, che sostiene che i ritmi incessanti di lavoro devo terminare. Più consegne equivalgono a più guadagno. Ma a pagarne le spese sono sempre i dipendenti.

Immediata è stata anche la reazione dei social. Commento dopo commento emerge il disagio di questa categoria. Sottopagati e costretti a turni estenuanti. Le continue richieste di efficenza e velocità sono pressanti. Per soddisfare le necessità aziendali spesso i dipendenti prendono decisioni sbagliate mettendo a rischio la propria incolumità. Viene quindi sottolineato dall’opinione pubblica, come dai sindacati, la necessità di sedersi ad un tavolo di trattative e trovare una soluzione. Urge riflettere su questo incidente. Non il primo della categoria. I social sottolineano come questa disgrazia non sia da catalogare come serie B. Anzi, l’onda mediatica si sta facendo sentire. La notizia si è espansa a macchia d’olio.

Le dichiarazioni della vittima

«Non andavo di fretta. E non ho fatto nessun sorpasso. La verità è che sono caduto per colpa delle pessime condizioni della strada — ribatte —. Con il mio scooter ero dietro al tram. A destra della rotaia c’era una buca, al centro i masselli erano tutti sconnessi. Allora mi sono portato appena a sinistra, ma c’era una buca anche lì, ho perso l’equilibrio e sono caduto mentre il tram arrivava dall’altra parte. Il motorino mi ha fatto da scudo ma mezza gamba è finita sotto».

Ha ancora in corpo l’adrenalina dello spavento, l’effetto calmante delle medicine. La botta vera arriverà poi. Ma lo sguardo positivo, nessuno glielo toglie. Aspetta una ex fidanzata («Non ci vediamo da tanto, ma la penso…») e spera di trovare un senso a tutto questo: «Spero che adesso aumentino le tutele ai rider che non le hanno e che migliorino le condizioni delle strade».

E il tramviere che l’ha investito? È in ospedale anche lui, ricoverato in stato di choc, e poco dopo l’incidente ha preso un pugno in faccia da un passante, poi sparito. «Il macchinista non ha colpa — dice Francesco —. Non ha fatto in tempo a frenare. La verità è che siamo tutti un po’ stanchi».

Newsletter

Resta aggiornato sui migliori eventi in città. Vivi la tua #milanolife

Accetto il trattamento dati secondo i termini definiti da MailChimp ( ulteriori informazioni )

Dati utilizzati unicamente per erogare il servizio e non saranno utilizzati per altri fini ne ceduti a terzi. Puoi effettuare la cancellazione in qualsiasi momento

Continua a leggere
Advertisement
1 Commento

1 Commento

  1. Pingback: Milano: ciclista investito da un camion sulla Cassanese, è morto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

I PM sequestrano il Villaggio Sogno di Natale all’Ippodromo a Milano: apertura a rischio

Pubblicato

il

Sembra che il villaggio natalizio più grande d’Italia possa non aprire i battenti. Venerdì mattina è stato eseguito un controllo di sicurezza, che a quanto pare non è stato superato. I tecnici Ats, gli agenti della “Freccia 5” della polizia locale e la procura, hanno messo sotto sequestro tutti e tre gli edifici all’Ippodromo Snai di San Siro. Il Villaggio “Sogno di Natale” è quindi sotto sequestro. Niente Grande Fabbrica dei Giocattoli, nessuna Casa degli Elfi e nemmeno Casa di Babbo Natale.

LEGGI ANCHE: Sogno del Natale: Il villaggio di Natale più grande d’Italia

Sogno di Natale all’Ippodromo a Milano sotto sequestro

Il controllo ha fatto emergere che il Villaggio più atteso, non solo perchè una novità in città ma anche perchè il piu grande d’europa, sia stato realizzato senza rispettare le regole di sicurezza e igiene nei luoghi di lavoro. Sembra che i ventinove operai, facenti parte di cinque  ditte distinte, siano stati trovati a lavorare su ponteggi montati male e con impianti non a norma.

“L’obiettivo è evitare che si verifichino gravi infortuni”, spiegano dalla procura.

LEGGI ANCHE: Villaggio Sogno del Natale: apertura posticipata e rimborsi

Aprirà o no?

Il fascicolo, di inottemperanza delle norme antinfortunistiche, è stato aperto dal procuratore aggiunto Tiziana Siciliano e dal pm Mauro Clerici. Ancora non è chiaro se “Il Sogno di Natale 2019”, immaginato e desiderato dei bambini di mezza Italia, sia inevitabilmente compromesso. Il coordinatore sicurezza in fase di esecuzione del cantiere, ha già stabilito di far ripartire i lavori in vista dell’apertura prevista per il 22 novembre, ma solo nell’area non posta sotto sequestro.

QUI il biglietto per il Sogno di Natale

Newsletter

Resta aggiornato sui migliori eventi in città. Vivi la tua #milanolife

Accetto il trattamento dati secondo i termini definiti da MailChimp ( ulteriori informazioni )

Dati utilizzati unicamente per erogare il servizio e non saranno utilizzati per altri fini ne ceduti a terzi. Puoi effettuare la cancellazione in qualsiasi momento

Continua a leggere

Cronaca

Guardia giurata ferisce collega a Milano: era solo un gioco

Pubblicato

il

È successo ieri sera, proprio sotto la Madonnina. Una guardia giurata di 30 anni ha accoltellato un collega di 24 anni. L’episodio è avvenuto poco prima delle 19.00 e il ferito è stato subito soccorso e trasportato in codice rosso al Fatebenefratelli.

Guardia giurata ferisce collega a Milano: era solo un gioco

All’inizio si era parlato di una furibonda lite finita male. Il trentenne era subito stato fermato e gli investigatori hanno iniziato le indagini. Sembra però che si tratti di un gioco finito male, confermato anche dal ventiquattrenne in ospedale. Di quale gioco si tratti ancora non è chiaro e la guardia giurata di 30 anni è stata denunciata per lesioni aggravate.

Newsletter

Resta aggiornato sui migliori eventi in città. Vivi la tua #milanolife

Accetto il trattamento dati secondo i termini definiti da MailChimp ( ulteriori informazioni )

Dati utilizzati unicamente per erogare il servizio e non saranno utilizzati per altri fini ne ceduti a terzi. Puoi effettuare la cancellazione in qualsiasi momento

Continua a leggere

Cronaca

Tentata rapina davanti al Bricoman di Segrate, Milano

Pubblicato

il

È successo questa mattina 11 novembre 2019 poco prima delle otto. Due uomini armati hanno tentato una rapina davanti al Bricoman di Segrate, Milano, ad un porta valori. Quando le guardie si sono rifiutate di assecondare le richieste, i due uomini hanno aperto il fuoco. Un uomo di 44 anni, uno dei vigilanti, è rimasto ferito alla gamba. Sono poi fuggiti facendo perder le loro tracce.

Tentata rapina davanti al Bricoman di Segrate, Milano

È successo in via Lambretta, al confine con Milano, intorno alle 7.40. Due malviventi hanno assaltato un porta valori. Hanno poi aperto il fuoco ferendo un vigilante alla gamba che comunque non sarebbe in pericolo di vita. È stato subito soccorso e trasportato al San Raffaele.

Newsletter

Resta aggiornato sui migliori eventi in città. Vivi la tua #milanolife

Accetto il trattamento dati secondo i termini definiti da MailChimp ( ulteriori informazioni )

Dati utilizzati unicamente per erogare il servizio e non saranno utilizzati per altri fini ne ceduti a terzi. Puoi effettuare la cancellazione in qualsiasi momento

Continua a leggere
Advertisement In genere, la visualizzazione degli annunci sulla pagina richiede pochi minuti. Tuttavia, in alcuni casi potrebbe essere necessaria un'ora. Per ulteriori dettagli, consulta la nostra guida all'implementazione del codice.

Popolari