Per la visita del Papa a Milano, saranno 1600 gli uomini impiegati per la sicurezza. Una “visita all’insegna della gioia e della pace e non un evento blindato”, questo il messaggio che le istituzioni milanesi hanno voluto dare in merito alla visita di papa Francesco il 25 marzo. Durante l’ultimo incontro in Curia, sono state annunciate ulteriori decisioni per le 12 ore che Papa Bergoglio trascorrerà fra Milano e Monza. Previsti oltre 600mila fedeli soprattutto al parco di Monza dove alle 15 si terrà la messa del Papa.

Il traffico sarà bloccato in gran parte delle province di Monza e Milano per evitare che si crei un ingorgo di auto, ma ci saranno 408 treni fra cui molti treni speciali con biglietti scontati e riduzioni per comitive, circa 3mila pullman e l’invito a tutti è a raggiungere il luogo della celebrazione a piedi o in bici.

La visita del Papa costerà oltre 3 milioni e 235mila euro, fondi che servono per il coordinamento dei volontari e delle parrocchie, oltre che degli accompagnatori di disabili e anziani, per le comunicazioni, per i servizi igienici e le altre strutture,  impianti di servizio, le per i materiali che verranno distribuiti ai fedeli prima e dopo la messa.

Costi anche per le tappe che Papa Bergoglio farà alle case bianche di via Salomone e allo stadio di San Siro, oltre che per il palco della messa lungo 80 metri che, da solo, costa 1 milione e 300mila euro, con impianti video da 300mila euro. Sponsorizzazioni e contributi arrivano da privati come la Fondazione Cariplo e altri enti e istituti bancari.

Il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni ha illustrato il piano dedicato alla sicurezza sanitaria “safety” con 106 squadre di medici e infermieri, quattro presidi sanitari, 1.400 volontari a Milano e altri 1.300 a Monza. Il sindaco di Milano Beppe Sala ha insistito molto sul carattere gioioso della visita per cui sono mobilitati già 3.600 volontari. “Nello spirito del magistero di Francesco durante la visita sarà garantita la sicurezza di tutti ma si tratterà di una giornata anche naturale, interpretando lo spirito degli insegnamenti del Santo Padre”. Una visita che verrà contrassegnata anche da alcune iniziative speciali, come quella della Fondazione Cariplo che per l’occasione ha stanziato 12 milioni per un piano di aiuti a favore di 13mila bambini poveri che a Milano soffrono la fame e non mangiano il dovuto, in collaborazione con Intesa San Paolo e fondazione Vismara.

“Siamo pronti ad accogliere il Papa”, ha detto Roberto Scannagatti, sindaco di Monza, “con laconsapevolezza che questa è un’occasione importante e straordinaria. Sentiamo peso e responsabilità perché questo possa avvenire nel modo più sicuro. Il Comune è attivato per tutti gli aspetti della mobilità perché ci saranno centinaia di migliaia di persone, ma noi siamo abituati all’organizzazione di altri grandi eventi che ci fanno pensare di essere pronti. Monza sarà raggiungibile con bus e treni, ma invitiamo a raggiungerci in bici dalla Brianza e a piedi: per i cittadini non sarà città blindata ma aperta a tutti i pellegrini. La messa nel parco ha un valore simbolico perché nel magistero di Francesco il tema ecologico è fondamentale. Faremo di tutto per garantire la sostenibilità ambientale”.

LEGGI ANCHE: Come partecipare alla messa del Papa al Parco di Monza

 

Newsletter

Resta aggiornato sui migliori eventi in città. Vivi la tua #milanolife

Accetto il trattamento dati secondo i termini definiti da MailChimp ( ulteriori informazioni )

Dati utilizzati unicamente per erogare il servizio e non saranno utilizzati per altri fini ne ceduti a terzi. Puoi effettuare la cancellazione in qualsiasi momento

Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.