Nuovi e inquietanti dettagli emergono nella vicende del femminicidio di ieri in via della Commenda. Infatti Gianluca Maggioncalda aveva già tentato di strangolare la fidanzata Sonia Trimboli. Era accaduto il 28 agosto, ovvero meno di due mesi fa. Il tentativo era andato a vuoto e la donna lo aveva denunciato al commissariato Monforte-Vittoria. Il giorno dopo Maggioncalda era stato indagato per lesioni.

Nonostante questa vicenda i due 42enni stavano ancora insieme anche se il padre di Sonia afferma che lei non voleva più vedere l’uomo. Ma le liti erano frequenti, spesso amplificate dall’uso di cocaina e alcol. Domenica sera i due avevano appena finito di consumare tali sostanze quando sul cellulare di Sonia arrivò un messaggio di un uomo. Questo fatto scatenò la furia di Gianluca che si concluse in omicidio.

Il padre della donna afferma che questo femminicidio poteva essere evitato se la polizia avesse fermato l’uomo dopo il 28 agosto perché “era ovvio che avrebbe riprovato, era ovvio che questo sarebbe stato il finale“.

Newsletter

Resta aggiornato sui migliori eventi in città. Vivi la tua #milanolife

Accetto il trattamento dati secondo i termini definiti da MailChimp ( ulteriori informazioni )

Dati utilizzati unicamente per erogare il servizio e non saranno utilizzati per altri fini ne ceduti a terzi. Puoi effettuare la cancellazione in qualsiasi momento

Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.