Connect with us

Fiere e festival

Dove parcheggiare per Fuorisalone


Pubblicato

il


3333

Il “Salone Internazionale del mobile”, il più importante appuntamento con il design mondiale. Il Salone del Mobile si svolge nell’area espositiva della Fiera di Milano a Rho. Da diversi anni, in concomitanza con il Salone, si svolge il Fuorisalone, una sorta di prolungamento della Fiera al di fuori della fiera che si svolge in diversi punti di Milano. Dove parcheggiare per Fuorisalone ?, un evento che non è identificabile con un luogo ma che si svolge per le strade o in altre location, che da’ corpo e vita al Milano Design Week con eventi, mostre, incontri, feste, esposizioni temporanee, un unico grande evento collettivo per comunicare innovazione e nuove tecnologie anche nel design. Scopriamo i luoghi del Fuorisalone e dove parcheggiare.

TUTTI GLI EVENTI DA NON PERDERE: LA GUIDA COMPLETA ZONA PER ZONA - mdw2019 >>

I luoghi di Fuorisalone

Il fulcro delle manifestazioni è la Fiera internazionale del Mobile a Rho, una vetrina per le aziende produttrici di arredi e per gli addetti ai lavori: architetti, designer, arredatori provenienti da tutto il mondo che porpongono soluzioni innovative per la casa, con prototipi, nuove tecnologie e concept.

Advertisements

Milano, però, sarà allegramente “invasa” da altri eventi fuori salone, appunto, che avranno luogo in diverse zone di Milano. Le zone interessate in particolar modo sono zona Tortona, Porta Genova, Brera, le principali piazze del centro come Piazza Duomo, San Babila, Corso Como (tutte aree dove parcheggiare, nonostante il traffico, non è un problema grazie alla disponibilità di parcheggi e posti auto a pagamento e/o gratuiti nelle zone limitrofe)

LEGGI ANCHE: Salone del Mobile, come arrivare con i mezzi pubblici

Dove parcheggiare per Fuorisalone

Parcheggiare nei pressi del Salone Internazionale non è un problema se si considera che intorno all’area espositiva e in seguito all’Expo 2015 sono stati realizzati oltre 10 mila posti auto disposti intorno al quartiere fieristico e contrassegnati dalla segnaletica da P1 a P5, oltre a due edifici multipiano (contrassegnati come PM1 e PM2) nei pressi di Porta Ovest. Il parcheggio P1 è anche dotato di varchi riservati ai possessori del Telepass, facilitandone i pagamenti. Le tariffe sono:

  • Fino a 4 ore di sosta: 12 €;
  • Oltre le 4 ore e fino a un massimo di 24 ore: 16,50 €.

Nonostante le possibilità ricettive è sempre consigliabile prenotare il parcheggio.

Per quanto riguarda, invece, le altre aree interessate dagli eventi di Fuorisalone ecco:

Dove parcheggiare in Zona Tortona a Porta Genova

Nell’omonimo quartiere di Porta Genova, si trova la stazione più antica del capoluogo lombardo (oggi completamente ristrutturata), a poca distanza dalla zona dei Navigli, è dotata di un ampio parcheggio gratuito.

Parcheggi zona Porta Genova a Milano: orari e costo – Milano Life

Milano è una metropoli dinamica, numerosi sono i suoi centri di interesse sia culturali che artistici e commerciali. L’articolo prosegue dopo il video La zona intorno a Porta Genova è caratteristica per essere centro di design, ricca di spazi espositivi, la ” Zona Tortona”,per esempio, ospita la settimana della moda, così come è facile trovare ristoranti tipici e piccole ma prestigiose botteghe artigiane.

Dove parcheggiare Duomo Milano

Il Duomo di Milano si trova nella Zona C – area a traffico limitato, con ingresso riservato ai possessori di autorizzazione e Telepass. I parcheggi qui sono a pagamento. Nelle immediate vicinanze del Duomo, a pagamento ci sono i seguenti parcheggi dove lasciare la propria auto: Parcheggio Rinascente Duomo a più piani e il Duomo Parking.

Parcheggio vicino Duomo Milano: costo e orari – Milano Life

Il Duomo di Milano – simbolo del capoluogo lombardo – è dedicato a Santa Maria Nascente, nell’omonima piazza nel centro della città. È la terza chiesa cattolica più grande al mondo dopo San Pietro (Vaticano, Roma) e la cattedrale di Siviglia. L’articolo prosegue dopo il video Il Duomo di Milano è sede dell’arcidiocesi e della parrocchia di Santa Tecla.


Leggi anche: parcheggi gratuiti Milano


Dove parcheggiare in zona Brera e San Babila

L’Accademia di Belle Arti di Brera ospiterà alcuni eventi Fuorisalone ed è il centro culturale più attivo dell’omonimo quartiere. L’accademia – risalente al 1700 – si trova proprio in Via Brera, 28 ed è oggi un’università a numero chiuso. Il parcheggio più vicino è il Parking Car Brera in Via Brera, 3 raggiungibile percorrendo via Monte di Pietà e via Dell’Orso. Alternativamente si può optare per l’Autosilo San Marco (da Via Solferino) o il Matteotti Parking a metà strada tra San Babila e l’Accademia raggiungibile percorrendo Piazza Filippo Meda. Più vicini a San Babila, i parcheggi di “Parking Senato” in Via Senato al centro del quartiere Brera e l’Autosilo Diaz in Piazza Armando Diaz. Indipendentemente da dove si parcheggia, ci si ritrova veramente molto vicini ai principali punti di attrazione del centro storico di Milano, nonché ai principali servizi pubblici (linee di autobus e metropolitana). Da qui si possono raggiungere a piedi il Teatro La Scala, Teatro Manzoni, Galleria Del Corso, Il Duomo, Castello Sforzesco, Corso Garibaldi.

Altri parcheggi in prossimità delle manifestazioni sono:

  • Stephenson Milano in via Stephenson, 55 a circa 1,4 km dal Salone del mobile;
  • Quick Sempione in Via Corleone, 7 a 2,7 Km dal Salone;
  • Lombardia Ravizza in Via Ravizza, 5 a 3,2 km dal Salone del mobile;
  • Arco della Pace in Via Giovanni Gherardini, 6 a 3,3 km dalla Fiera;
  • Quick Washington in Via Digione, 5 che dista 3,5 km dalla Fiera;
  • Autosilo Pola in Via Pola, 9 a 3,8 Km dal Salone;
  • Buonaparte Parking in Via Giacomo Puccini, 5 a 3,8 Km dalla fiera;
  • Carducci Parcking in Via Olon, 2 a 3,8 km dal Salone;
  • Ambrogio Parking in Piaza Sant’Ambrogio 5/A a 3,8 km dal Salone.

Indipendentemente dalla posizione del parcheggio il salone è raggiungibile comodamente con i mezzi pubblici da qualsiasi zona di Milano.

Newsletter

Resta aggiornato sui migliori eventi in città. Vivi la tua #milanolife

Accetto il trattamento dati secondo i termini definiti da MailChimp ( ulteriori informazioni )

Dati utilizzati unicamente per erogare il servizio e non saranno utilizzati per altri fini ne ceduti a terzi. Puoi effettuare la cancellazione in qualsiasi momento

Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Fiere e festival

Bookcity Castello Sforzesco 2019: gli eventi da non perdere

Pubblicato

il

Anche quest’anno torna l’appuntamento, con l’ottava edizione, di Bookcity Milano 2019. Dal 13 al 17 novembre 2019 la città sarà animata da tantissimi eventi, diffusi a macchia d’olio in città. Una manifestazione dedicata al libro, alla lettura e dislocata in diversi spazi della città metropolitana. Il cuore pulsante della manifestazione è ancora una volta il Castello Sforzesco. Tra le sale della location più fiabesca della città si alterneranno eventi e dibattiti, spettacoli e visite guidate. Ecco una selezione degli eventi da non perdere per questa edizione Bookcity Castello Sforzesco 2019. Le sale hanno una capienza limitata. Per partecipare agli eventi, gratuiti, è meglio recarsi in anticipo al Castello Sforzesco.

LEGGI ANCHE: Bookcity Milano 2019: dalle librerie ai quartieri. Tutti gli eventi in città

Bookcity Castello Sforzesco 2019

Advertisements

Per gli eventi in programma nelle sale del Castello Sforzesco, a partire da 45 minuti prima dell’inizio degli incontri saranno distribuiti dei tagliandi gratuiti per accedere alle sale, fino a esaurimento posti. Ecco cosa non perdere di Bookcity Castello Sforzesco 2019.

LEGGI ANCHE: BookCity Milano 2019: 10 eventi da non perdere

16 novembre – ore 19.00 – Sala Viscontea

Leonardo e l’imperfezione

Con Vittorio Sgarbi

Nel cinquecentesimo della morte di Leonardo, Vittorio Sgarbi compone un ritratto inedito, raccontandone le imprese e le opere, il contesto artistico in cui è cresciuto e la straordinaria risonanza che ha avuto lungo i secoli, fino a Duchamp, fino a Dalì, fino a noi.

 

17 novembre – ore 19.00 – Sala Viscontea

Storia di una famiglia fuori dal comune

Con Jacopo Fo e Giuseppina Manin

Jacopo Fo insieme a Giuseppina Manin cerca di rispondere alla domanda che in assoluto gli è stata fatta più volte nel corso della sua vita: com’è esser figlio di Franca Rame e Dario Fo? Ma anche… Com’è crescere con due genitori così? Cosa ti hanno lasciato? Cosa hai imparato? In occasione della pubblicazione del libro Com’è essere figlio di Franca Rame e Dario Fo, il figlio Jacopo ci porta con sé nella sua fantastica e spesso scomoda famiglia.

LEGGI ANCHE: BookCity Milano 2019: 10 eventi bellissimi per bambini

 

16 e 17 novembre – ore 14.00 e 15.00 – Merlate

Visite alle merlate del Castello Sforzesco

A cura di Ad Artem e OPERA D’ARTE
Accesso consentito a gruppi di 25 persone, previa iscrizione presso l’Infopoint centrale del Castello, a partire da 45 minuti prima della visita.L’accesso è vietato a bambini sotto i 10 anni e sconsigliato a persone con difficoltà motorie.

16 novembre – 16.30 – Sala Weiss

Isaac Newton: oltre il pensiero scientifico

Con Rob Iliffe e Gian Arturo Ferrari

Rob Iliffe, tra i massimi esperti mondiali di Isaac Newton, delinea nel suo volume, Newton. Il sacerdote della natura (Hoepli), il ritratto vibrante e definitivo dell’uomo che cambiò, come nessuno aveva fatto prima, il modo di guardare l’universo. Nel dialogo con Gian Arturo Ferrari l’autore, che ha avuto accesso a scritti inediti di Newton, offre un’immagine privata e meno nota dello scienziato: quella di un uomo che per tutta la vita si è misurato con questioni teologiche spesso in contrasto con la dottrina anglicana.

15 novembre – ore 19.00 – Sala della Balla

Musicisti in fuga da Leonardo a Desmarest

Con Giovanni Iudica, Antonio Schilirò e Filippo Senatore. Modera Marino Viganò

Il libro di Giovanni Iudica rivela il territorio inesplorato del diritto familiare europeo dove  il matrimonio per amore non è
possibile senza l’autorizzazione paterna ancora considerato pater familias con potere quasi assoluto sui figli e soprattutto le figlie. Giovanni Iudica racconta l’avventura umana e artistica di Henry Desmarest, compositore di musica sacra e profana, vissuto tra la seconda metà del Seicento e la prima metà del Settecento. Al tempo stesso il libro rievoca la vita avventurosa dei fuggiaschi. Il titolo perciò diverso dal libro potrebbe essere Fughe d’autore da
Dante a Leonardo, da Desmarest a Vivaldi. Viaggio nell’Europa prima della rivoluzione borghese

 

16 novembre – ore 12.30 – Sala della Balla

La grammatica di Leonardo da Vinci. La fiaba e la favola della scrittura e della pittura

Con Mariella Borraccino

Come si narrano radici, alberi, foglie, rocce, ombre, onde, donne e uomini, negli affreschi, nelle tavole, nei quaderni di Leonardo da Vinci. Le fiabe, le favole, le profezie, i rebus. In occasione del nuovo restauro della Sala delle Asse al Castello Sforzesco, l’analisi e la lettura della “pagina” di Leonardo alla luce dell’attuale. Leonardo segna l’apertura del moderno e la sua scrittura

17 novembre – ore 10.00 – Biblioteca dell’Arte

Gian Galeazzo Visconti, il re mancato. Intrighi e lotte di potere alla morte del primo Duca di Milano

Con Luigi Barnaba Frigoli

Tra congiure e segreti, amori e tradimenti, duelli e superstizioni, storia e leggenda, un nuovo, appassionante capitolo della “saga della Biscia”raccontato dall’autore dei romanzi storici “La Vipera e il Diavolo” e “Maledetta Serpe” che hanno conquistato e continuano a entusiasmare migliaia di lettori.Con proiezione di immagini

 

17 novembre – ore 17.00 – Biblioteca dell’Arte

Chi ha ucciso Caravaggio? Un cold case avvincente tra il Seicento e i nostri giorni

Con Silvia Brena, Lucio Salvini, Ferdinando Bruni e Marco Carminati

Caravaggio è stato davvero ucciso? Come e da chi? E chi ha voluto la sua morte? Il mistero si nasconde tra le pieghe di una copia di un quadro famoso, Il Martirio di Sant’Orsola, dipinto dal Caravaggio poco prima di morire e da molti ritenuto una denuncia del suo assassinio. Un mistero che un critico d’arte sui generis, gay, tormentato, ipocondriaco e coltissimo, è chiamato a risolvere. Un cold case, che si dipana nel corso dei secoli e che porterà a scoprire i veri responsabili della morte del Caravaggio, ma anche ad alzare il velo su uno dei peggiori casi di corruzione e malaffare all’interno del Vaticano.

Nel corso della vicenda, il critico Dante Hoffman, mentre tenterà di risolvere il mistero che si cela dietro il Martirio, si troverà coinvolto in una corsa contro il tempo per tentare di recuperare il dipinto rubato, ma soprattutto per salvare se stesso. In una trama che alterna il racconto in presa diretta con i flash back che ricostruiscono la vera vita del Caravaggio e i suoi tormenti, Hoffman si troverà al centro di una congiura ordita per toglierlo di mezzo, con le stesse “armi” che, all’epoca, furono usate per uccidere Caravaggio.Frutto di 4 anni di lavoro e di paziente documentazione, L’ultimo respiro del corvo alterna vicende realmente accadute al Caravaggio e ai suoi contemporanei, svelando anche retroscena sin qui poco noti, a un plot da vero romanzo giallo.

 

16 novembre – ore 14.30 – Biblioteca dell’Arte

Quel rapace di Galeazzo Maria Sforza: la vera storia del quinto Duca di Milano

Con Giancarlo Mele

Amore e morte alla corte degli Sforza, la famiglia che a Milano prese il potere nel 1450, con un colpo di mano, per perderlo solo cinquant’anni dopo. Quella di Galeazzo Maria è una storia di lussuria, tradimenti, intrighi, ma anche di mecenatismo e lungimiranti politiche economiche, che culmina con il suo assassinio, sulla soglia della chiesa di Santo Stefano, nel giorno di Santo Stefano del 1476.Teatralizzazione con proiezione di immagini

15 novembre – ore 12.00 – Sala Bertarelli

Connettersi alla vita. La ricerca dell’equilibrio tra vita online e offline

Con Aldo Cazzullo, Ilaria Bernardini, Imen Jane, Luca Casaura. Introduce Piergaetano Marchetti. Modera Daniele Manca

Con Aldo Cazzullo (giornalista e scrittore)
Ilaria Bernardini (autrice e scrittrice)
Imen Jane (economista e influencer)
Luca Casaura (Head of Brand & Advertising Vodafone)
introduce Piergaetano Marchetti (Presidente Associazione Bookcity Milano)
modera Daniele Manca (Vicedirettore Corriere)

Newsletter

Resta aggiornato sui migliori eventi in città. Vivi la tua #milanolife

Accetto il trattamento dati secondo i termini definiti da MailChimp ( ulteriori informazioni )

Dati utilizzati unicamente per erogare il servizio e non saranno utilizzati per altri fini ne ceduti a terzi. Puoi effettuare la cancellazione in qualsiasi momento

Continua a leggere
Advertisement

Popolari