Se a Pasqua o a Pasquetta, o magari per l’intero weekend, avete in programma una gita fuori porta, nel nostro articolo trovate tante idee per grandi e per piccini. Musei, mostre, cacce al tesoro e mercatini per divertirsi in famiglia o con gli amici.

 #Pasqua alla scoperta di un Maestro

cropped-cropped-cropped-locandina-doisneau-def

“Robert Doisneau. Le Merveilleux Quotidien” all’Arengario di Monza

Perché non approfittare della domenica di Pasqua per scoprire uno dei più grandi esponenti della fotografia del Novecento? L’Arengario di Monza, dal 16 marzo al 3 luglio, ospita la mostra Robert Doisneau. Le Merveilleux Quotidien. Una selezione di 80 fotografie dal suo primo scatto nel 1929, quando aveva 17 anni, fino al 1973, quando ad essere protagonisti dei suoi scatti erano i luoghi a lui cari, come le banlieau parigine. Di queste fotografie, 50 sono state stampate direttamente dall’autore e sono ora esposte per la prima volta in Italia. Ed è proprio Doisneau, attraverso un video e scritti originali, a guidare il pubblico lungo il percorso espositivo, alla scoperta dei luoghi affascinanti della Ville Lumière, delle botteghe di un tempo, dei bambini che giocano per strada, di innamorati, di animali e di momenti di festa. La domenica (Pasqua compresa), così come il sabato e i festivi, l’esposizione è aperta dalle 10 alle 20. Lunedì chiuso; martedì, mercoledì e venerdì: 10-13 / 14-19. Giovedì: 10-13 / 14-22.30. Biglietto intero 9 euro, ridotto 7.

 

#Pasquetta tra le montagne

Foire-de-la-Paquerette-1-e1457856126387

Foire De La Pâquerette, Courmayeur (AO)

A due ore e mezza di Milano, Courmayeur è perfetta per una Pasquetta insolita. Dalle 9.00 alle 18.00, il centro si anima della Foire de la Pâquerette, fiera dell’artigianato tipico valdostano creata nel 1996 da un gruppo di amici che volevano festeggiare la fine dell’inverno. Si comincia alle 9 con la sfilata della banda musicale Courmayeur-La Salle, accompagnata dagli immancabili Beuffons e dal gruppo folkloristico Les Badochys. Dopodiché, la giornata è all’insegna delle shopping. Nelle oltre 300 bancarelle si possono trovare oggetti in legno e pietra per la casa e il giardino, mortai, canestri, gerle, i merletti di Cogne, i tradizionali sabot, giocattoli artigianali e creazioni in ferro battuto.

#Una caccia al tesoro tra il parco e il castello

castello_di_miasino_caravino_2031

Pasquetta al Castello di Masino, Ceravino (TO)

A Ceravino, in provincia di Torino, il Castello di Masino è un luogo magico, con la sua storia e quel labirinto che è fascino ed è divertimento. Il giorno di Pasquetta, per un pic-nic indimenticabile, vengono allestite apposite zone ristoro all’interno del suo parco, e viene offerta la possibilità di acquistare originali cestini per il pranzo colmi di pietanze tipiche del luogo. Con la pancia piena, si può poi passeggiare in mezzo al verde e all’interno del Castello, ammirando le meravigliose camere e i saloni affrescati e riccamente arredati. E, ancora, il mercatino gastronomico di prodotti canavesani, laboratori e attività ludiche per i più piccini: imperdibile la tradizionale Caccia al Tesoro, in compagnia di tanti speciali personaggi come la fatina giardiniera Maflora. Per raggiungere il Castello da Milano, percorrete la A4 Milano – Torino e uscite ad Albiano: trovate lì tutte le indicazioni per arrivare a destinazione. Il biglietto famiglia, al costo di 15 euro, consente l’ingresso a 2 adulti e 4 bambini fino ai 14 anni.

#Pasquetta a Como, per imparare divertendosi

Screenshot 2016-03-21 13.28.15

Caccia al Tesoro Botanico, Villa del Grumello, Como

A Como, la splendida Villa del Grumello aderisce alla Caccia al Tesoro Botanico di Grandi Giardini Italiani, un evento pensato per le famiglie che, il giorno di Pasquetta, va in scena contemporaneamente in 32 tra i più bei giardini visitabili d’Italia. A partire dalle 10.15 e fino alle 14.30, con partenze ogni 15/20 minuti, i bambini dai 6 ai 12 anni potranno partecipare, al costo di 5 euro, ad una caccia al tesoro “educativa”, alla scoperta delle tante piante del Parco, e degli importanti personaggi che dalla Villa sono passati. Intanto, i genitori potranno prender parte alla visita guidata alle Serre del Grumello (partenza alle ore 10.30, 11.30, 14.30 e 15.30) in compagnia degli agronomi e degli architetti che hanno curato la riqualificazione del compendio, e visitare l‘Angolo delle Leguminose curato dalla Società Ortofloricola Comense. Per i più piccini (dai 3 ai 6 anni e dai 7 ai 12) le Serre ospiteranno – dalle 10.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 16.30 – laboratori per scoprire la natura a cura dell’Associazione Battito d’Ali.

#Montagne, stambecchi e una Pasquetta indimenticabile

15

Pasquetta tra gli Stambecchi, Osservatorio Maslana

Gli amanti della natura, dello sport e dalla montagna potranno trascorrere una Pasquetta indimenticabile grazie all‘Osservatorio di Maslana. Ci si ritrova alle 9.00 al Palazzetto dello Sport di Valbondione, in Alta Val Seriana (BG). Da qui, si sale alle baite di Maslana per raggiungere l’Osservatorio, dove verranno proiettate una serie di diapositive sulla flora e la fauna della zona e sulla costruzione della diga del Barbellino. Chi lo vorrà potrà utilizzare il cannocchiale per “spiare” gli animali selvatici presenti nelle vicinanze. Alle 12.00 si pranza tutti insieme in un ambiente riscaldato, alle 14.00 si parte in direzione del paese passando da Maslana. Iscrizione obbligatoria: 338/9999974.

#Un weekend tra i borghi e gli ulivi

sz12esp_big

A Pasquetta, ingresso gratis al Museo dell’Olivo, Imperia

Se avete in programma una gita fuori porta il giorno di Pasquetta, o se pensate di trascorrere le vacanze di Pasqua in Liguria, non perdetevi il Museo dell’Olivo che, ad Imperia, raccoglie e racconta in 18 sale i 6000 anni di storia dell’ulivo. In via Garessio 13, il Lunedì dell’Angelo è eccezionalmente aperto dalle 9.00 alle 12.30 e dalle 15.00 alle 18.30, con ingresso gratuito. Qui, in questo luogo sorprendente nato dall’allestimento espositivo delle collezioni raccolte nei decenni dalla Famiglia Carli (fondatrice nel 1911 dell’industria olearia Fratelli Carli) si possono ammirare reperti e antichissimi strumenti, ma anche visitare il moderno frantoio. E, una volta finita la visita, che ne dite di un bel giro per i borghi? Nella zona di Imperia sono ben 7 i borghi insigniti della Bandiera Arancione, riconoscimento che il Touring Club Italiano conferisce ai piccoli borghi dell’entroterra che si distinguono per la loro accoglienza: Apricale, Dolceacqua, Triora, Seborga, Pigna, Perinaldo e Airole.

Newsletter

Resta aggiornato sui migliori eventi in città. Vivi la tua #milanolife

Accetto il trattamento dati secondo i termini definiti da MailChimp ( ulteriori informazioni )

Dati utilizzati unicamente per erogare il servizio e non saranno utilizzati per altri fini ne ceduti a terzi. Puoi effettuare la cancellazione in qualsiasi momento

Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.