Tra le varie polizze assicurative che è possibile stipulare c’è anche quella detta sulla vita.

La polizza sulla vita, come dice il suo stesso nome, serve a tutelare gli eredi di una persona nel momento in cui questa muoia: mettendo via delle cifre mensili, alla fine si avrà una piccola rendita.

Ci sono diverse formule con le quali si può realizzare un’assicurazione di questo genere: quella sulla vita, per l’esattezza, prevede una scadenza, giunti alla quale si può ritirare la somma maturata. Se si muore prima, questa va agli eredi.

C’è poi la polizza sulla morte, che prevede proprio un beneficiario alla morte di chi l’ha stipulata, o che può essere fatta anche conto terzi.

Ci sono dei casi in cui l’assicurazione non riconosce valida la polizza, cioè quando la morte è indotta, quindi in caso di suicidio, se avviene entro due anni dal momento in cui si è fatta l’assicurazione. Anche se si muore in un atto bellico, in un incidente di volo su aeri non di linea o con pilota senza brevetto, in genere la polizza viene considerata nulla.

Newsletter

Resta aggiornato sui migliori eventi in città. Vivi la tua #milanolife

Accetto il trattamento dati secondo i termini definiti da MailChimp ( ulteriori informazioni )

Dati utilizzati unicamente per erogare il servizio e non saranno utilizzati per altri fini ne ceduti a terzi. Puoi effettuare la cancellazione in qualsiasi momento

Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.