Si sente parlare spesso di abbattimento delle barriere architettoniche. Con questo termine si indica il fatto che molto spesso le nostre abitazioni, e gli edifici in cui viviamo, sono pensati esclusivamente per persone normodotate, che quindi non abbiano impedimenti fisici. Ci sono però molte persone che invece hanno problemi di deambulazione, e ad esempio sono costrette a spostarsi sulle sedia a rotelle.

Per rendere la loro vita più semplice, e garantire anche l’autonomia in casa, sono stata così disposte delle normative che rendano gli ambienti facilmente fruibili anche da parte dei disabili.

Ad esempio, per quanto riguarda il bagno, devono essere rispettate delle misure minime che rendano semplice muoversi al suo interno anche se si è su una sedia a rotelle. 

Lo spazio necessario all’accostamento e al trasferimento laterale dalla sedia a ruote al wc deve essere almeno di 100 cm; invece lo spazio dalla vasca deve di almeno 140 cm. Lo spazio di fronte al lavabo deve misurare minimo 80 cm.

Tutti i sanitari dovrebbero essere a sospensione; se l’asse della tazza è distante più di 40 cm dalla parete, si deve prevedere un maniglione o corrimano; la doccia deve essere a pavimento, dotata di sedile ribaltabile e doccia a telefono.

Newsletter

Resta aggiornato sui migliori eventi in città. Vivi la tua #milanolife

Accetto il trattamento dati secondo i termini definiti da MailChimp ( ulteriori informazioni )

Dati utilizzati unicamente per erogare il servizio e non saranno utilizzati per altri fini ne ceduti a terzi. Puoi effettuare la cancellazione in qualsiasi momento

Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.