Connect with us

Fiere e festival

Artigiano in Fiera 2016 a Milano: orari e prezzi


Pubblicato

il


artigiano in fiera milano 3333

Artigiano in Fiera 2016 a Milano torna alla Fiera di Rho dal 3 all’11 dicembre 2016, con oltre tremila stand espositivi con prodotti provenienti da tutto il mondo. Tante sono le novità previste per questa edizione della maggiore rassegna internazionale di artigianato ad ingresso gratuito.

Saranno dunque 9 i giorni di esposizione ed oltre 3000 gli stand espositivi di questa edizione 2016 de “L’artigiano in fiera”, giunta quest’anno alla sua ventunesima edizione che arriva ogni anno poco prima di Natale e che puntualmente viene presa d’assalto da milanesi e turisti. Migliaia sono gli artigiani che provengono sia dalle regioni italiane che dall’Europa, ma anche da Africa, Asia e America per esporre le loro originali opere interamente fatte a mano.

Advertisements

É la solidarietà uno dei fili conduttori di Artigiano in Fiera. Il villaggio globale di arti e mestieri ospiterà artigiani che, con il loro lavoro saranno testimonianza diretta di iniziative umanitarie per generare occasioni di sviluppo nei Paesi d’origine. Come il progetto “Sunshine agro products“, progetto è partito con la collaborazione di 15 vedove, adesso coinvolge 10mila famiglie in 10 distretti nel Nord Est dell’Uganda e da pochi anni anche nel Sud, sul Lago Vittoria. L’azienda produce spezie, in particolare peperoncino, e si presenta sui mercati internazionali. In Madagascar, qualche decina di chilometri da Antananarivo, in una delle aree rurali più povere del Paese, Dieudonné Razafinjatovo e Violette Ralalaseheno hanno creato nel 1996 Ferronnerie d’Art d’Alasora: un grande laboratorio artigianale di oggetti decorativi in ferro battuto e materiali riciclati. Nel laboratorio lavorano indigenti e disabili che altrimenti non riuscirebbero a vivere in autonomia e sono 400 le persone, 120 famiglie, legate all’attività. Arriverà anche Arte Javane dall’Indonesia. È una piccola impresa che produce oggettistica in bambù e in altri materiali dal ciclo biologico breve, come amplificatori naturali per iPhone e smartphone. I dipendenti sono lavoratori disabili e in particolare ragazzi con sindrome di Down.

Non sono estero ma anche Italia. A “L’Artigiano in fiera” ci sarà pure il panettone della cooperativa sociale“Albero del Pane”, realtà nata a Milano nel 2014. Un panettone fatto a mano, con materie prime di alta qualità, seguendo le ricette della tradizione milanese e realizzato all’interno dei due storici laboratori di pasticceria: L’Angolo Dolce in viale Affori e la Pasticceria Gola in via Trau. Per realizzare il panettone sono al lavoro le ragazze minorenni accolte nelle Comunità educative Villaluce dell’Associazione Gruppo di Betania, che da oltre trent’anni è impegnata ad aiutare ragazze disagiate.

Oltre all’artigianato, protagonista de “L’artigiano in fiera” sarà anche l’enogastronomia, grazie ai 40 ristoranti che serviranno cucine autentiche e genuine, espressione dei territori di provenienza. E proprio correlata alla gastronomia, tra le novità di quest’anno ci sono le Scuole di cucina, per imparare le ricette dei piatti tipici provenienti da ogni parte del mondo.

Come ogni anno l’ingresso è gratuito: i padiglioni saranno aperti dalle 10 alle 22.30.

 

 

 

Newsletter

Resta aggiornato sui migliori eventi in città. Vivi la tua #milanolife

Accetto il trattamento dati secondo i termini definiti da MailChimp ( ulteriori informazioni )

Dati utilizzati unicamente per erogare il servizio e non saranno utilizzati per altri fini ne ceduti a terzi. Puoi effettuare la cancellazione in qualsiasi momento

Advertisement
3 Commenti

3 Comments

  1. Pingback: Fiera Artigianato 2016, ristoranti dove mangiare - Milano Life

  2. Pingback: Artigiano in Fiera Milano 2016: come raggiungere Rho e prezzo parcheggio - Milano Life

  3. Pingback: Tutti i mercatini di Natale a Milano - Milano Life

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Fiere e festival

Bookcity Castello Sforzesco 2019: gli eventi da non perdere

Pubblicato

il

Anche quest’anno torna l’appuntamento, con l’ottava edizione, di Bookcity Milano 2019. Dal 13 al 17 novembre 2019 la città sarà animata da tantissimi eventi, diffusi a macchia d’olio in città. Una manifestazione dedicata al libro, alla lettura e dislocata in diversi spazi della città metropolitana. Il cuore pulsante della manifestazione è ancora una volta il Castello Sforzesco. Tra le sale della location più fiabesca della città si alterneranno eventi e dibattiti, spettacoli e visite guidate. Ecco una selezione degli eventi da non perdere per questa edizione Bookcity Castello Sforzesco 2019. Le sale hanno una capienza limitata. Per partecipare agli eventi, gratuiti, è meglio recarsi in anticipo al Castello Sforzesco.

LEGGI ANCHE: Bookcity Milano 2019: dalle librerie ai quartieri. Tutti gli eventi in città

Bookcity Castello Sforzesco 2019

Advertisements

Per gli eventi in programma nelle sale del Castello Sforzesco, a partire da 45 minuti prima dell’inizio degli incontri saranno distribuiti dei tagliandi gratuiti per accedere alle sale, fino a esaurimento posti. Ecco cosa non perdere di Bookcity Castello Sforzesco 2019.

LEGGI ANCHE: BookCity Milano 2019: 10 eventi da non perdere

16 novembre – ore 19.00 – Sala Viscontea

Leonardo e l’imperfezione

Con Vittorio Sgarbi

Nel cinquecentesimo della morte di Leonardo, Vittorio Sgarbi compone un ritratto inedito, raccontandone le imprese e le opere, il contesto artistico in cui è cresciuto e la straordinaria risonanza che ha avuto lungo i secoli, fino a Duchamp, fino a Dalì, fino a noi.

 

17 novembre – ore 19.00 – Sala Viscontea

Storia di una famiglia fuori dal comune

Con Jacopo Fo e Giuseppina Manin

Jacopo Fo insieme a Giuseppina Manin cerca di rispondere alla domanda che in assoluto gli è stata fatta più volte nel corso della sua vita: com’è esser figlio di Franca Rame e Dario Fo? Ma anche… Com’è crescere con due genitori così? Cosa ti hanno lasciato? Cosa hai imparato? In occasione della pubblicazione del libro Com’è essere figlio di Franca Rame e Dario Fo, il figlio Jacopo ci porta con sé nella sua fantastica e spesso scomoda famiglia.

LEGGI ANCHE: BookCity Milano 2019: 10 eventi bellissimi per bambini

 

16 e 17 novembre – ore 14.00 e 15.00 – Merlate

Visite alle merlate del Castello Sforzesco

A cura di Ad Artem e OPERA D’ARTE
Accesso consentito a gruppi di 25 persone, previa iscrizione presso l’Infopoint centrale del Castello, a partire da 45 minuti prima della visita.L’accesso è vietato a bambini sotto i 10 anni e sconsigliato a persone con difficoltà motorie.

16 novembre – 16.30 – Sala Weiss

Isaac Newton: oltre il pensiero scientifico

Con Rob Iliffe e Gian Arturo Ferrari

Rob Iliffe, tra i massimi esperti mondiali di Isaac Newton, delinea nel suo volume, Newton. Il sacerdote della natura (Hoepli), il ritratto vibrante e definitivo dell’uomo che cambiò, come nessuno aveva fatto prima, il modo di guardare l’universo. Nel dialogo con Gian Arturo Ferrari l’autore, che ha avuto accesso a scritti inediti di Newton, offre un’immagine privata e meno nota dello scienziato: quella di un uomo che per tutta la vita si è misurato con questioni teologiche spesso in contrasto con la dottrina anglicana.

15 novembre – ore 19.00 – Sala della Balla

Musicisti in fuga da Leonardo a Desmarest

Con Giovanni Iudica, Antonio Schilirò e Filippo Senatore. Modera Marino Viganò

Il libro di Giovanni Iudica rivela il territorio inesplorato del diritto familiare europeo dove  il matrimonio per amore non è
possibile senza l’autorizzazione paterna ancora considerato pater familias con potere quasi assoluto sui figli e soprattutto le figlie. Giovanni Iudica racconta l’avventura umana e artistica di Henry Desmarest, compositore di musica sacra e profana, vissuto tra la seconda metà del Seicento e la prima metà del Settecento. Al tempo stesso il libro rievoca la vita avventurosa dei fuggiaschi. Il titolo perciò diverso dal libro potrebbe essere Fughe d’autore da
Dante a Leonardo, da Desmarest a Vivaldi. Viaggio nell’Europa prima della rivoluzione borghese

 

16 novembre – ore 12.30 – Sala della Balla

La grammatica di Leonardo da Vinci. La fiaba e la favola della scrittura e della pittura

Con Mariella Borraccino

Come si narrano radici, alberi, foglie, rocce, ombre, onde, donne e uomini, negli affreschi, nelle tavole, nei quaderni di Leonardo da Vinci. Le fiabe, le favole, le profezie, i rebus. In occasione del nuovo restauro della Sala delle Asse al Castello Sforzesco, l’analisi e la lettura della “pagina” di Leonardo alla luce dell’attuale. Leonardo segna l’apertura del moderno e la sua scrittura

17 novembre – ore 10.00 – Biblioteca dell’Arte

Gian Galeazzo Visconti, il re mancato. Intrighi e lotte di potere alla morte del primo Duca di Milano

Con Luigi Barnaba Frigoli

Tra congiure e segreti, amori e tradimenti, duelli e superstizioni, storia e leggenda, un nuovo, appassionante capitolo della “saga della Biscia”raccontato dall’autore dei romanzi storici “La Vipera e il Diavolo” e “Maledetta Serpe” che hanno conquistato e continuano a entusiasmare migliaia di lettori.Con proiezione di immagini

 

17 novembre – ore 17.00 – Biblioteca dell’Arte

Chi ha ucciso Caravaggio? Un cold case avvincente tra il Seicento e i nostri giorni

Con Silvia Brena, Lucio Salvini, Ferdinando Bruni e Marco Carminati

Caravaggio è stato davvero ucciso? Come e da chi? E chi ha voluto la sua morte? Il mistero si nasconde tra le pieghe di una copia di un quadro famoso, Il Martirio di Sant’Orsola, dipinto dal Caravaggio poco prima di morire e da molti ritenuto una denuncia del suo assassinio. Un mistero che un critico d’arte sui generis, gay, tormentato, ipocondriaco e coltissimo, è chiamato a risolvere. Un cold case, che si dipana nel corso dei secoli e che porterà a scoprire i veri responsabili della morte del Caravaggio, ma anche ad alzare il velo su uno dei peggiori casi di corruzione e malaffare all’interno del Vaticano.

Nel corso della vicenda, il critico Dante Hoffman, mentre tenterà di risolvere il mistero che si cela dietro il Martirio, si troverà coinvolto in una corsa contro il tempo per tentare di recuperare il dipinto rubato, ma soprattutto per salvare se stesso. In una trama che alterna il racconto in presa diretta con i flash back che ricostruiscono la vera vita del Caravaggio e i suoi tormenti, Hoffman si troverà al centro di una congiura ordita per toglierlo di mezzo, con le stesse “armi” che, all’epoca, furono usate per uccidere Caravaggio.Frutto di 4 anni di lavoro e di paziente documentazione, L’ultimo respiro del corvo alterna vicende realmente accadute al Caravaggio e ai suoi contemporanei, svelando anche retroscena sin qui poco noti, a un plot da vero romanzo giallo.

 

16 novembre – ore 14.30 – Biblioteca dell’Arte

Quel rapace di Galeazzo Maria Sforza: la vera storia del quinto Duca di Milano

Con Giancarlo Mele

Amore e morte alla corte degli Sforza, la famiglia che a Milano prese il potere nel 1450, con un colpo di mano, per perderlo solo cinquant’anni dopo. Quella di Galeazzo Maria è una storia di lussuria, tradimenti, intrighi, ma anche di mecenatismo e lungimiranti politiche economiche, che culmina con il suo assassinio, sulla soglia della chiesa di Santo Stefano, nel giorno di Santo Stefano del 1476.Teatralizzazione con proiezione di immagini

15 novembre – ore 12.00 – Sala Bertarelli

Connettersi alla vita. La ricerca dell’equilibrio tra vita online e offline

Con Aldo Cazzullo, Ilaria Bernardini, Imen Jane, Luca Casaura. Introduce Piergaetano Marchetti. Modera Daniele Manca

Con Aldo Cazzullo (giornalista e scrittore)
Ilaria Bernardini (autrice e scrittrice)
Imen Jane (economista e influencer)
Luca Casaura (Head of Brand & Advertising Vodafone)
introduce Piergaetano Marchetti (Presidente Associazione Bookcity Milano)
modera Daniele Manca (Vicedirettore Corriere)

Newsletter

Resta aggiornato sui migliori eventi in città. Vivi la tua #milanolife

Accetto il trattamento dati secondo i termini definiti da MailChimp ( ulteriori informazioni )

Dati utilizzati unicamente per erogare il servizio e non saranno utilizzati per altri fini ne ceduti a terzi. Puoi effettuare la cancellazione in qualsiasi momento

Continua a leggere
Advertisement

Popolari