in ,

Milano mostre gennaio 2022: da non perdere

Milano mostre gennaio 2022

Le mostre da non perdere a Milano a gennaio 2022. La città è davvero ricca di eventi, manifestazioni, concerti e mostre. Un’infinità di intrattenimento di vario genere adatta a chiunque. Le scelte sono davvero tante. A volte fin troppe. Non sapete come muovervi nella giungla di eventi che la nostra città ha da offrire? Ci abbiamo pensato noi.

Una lista delle migliori mostre in programma di questo mese, selezionate per voi.

Milano mostre gennaio 2022: le imperdibili del mese

Dai quadri di pittori famosi alle fotografie di tempi passati e presenti, dalle sculture classiche alle rivisitazioni con stile, dai vestiti d’epoca restaurati per l’occasione alle analisi approfondite di periodi storici. Mostre personali e grandi artisti a confronto per un panorama culturale a 360 gradi. Tutte ugualmente belle e tutte ugualmente imperdibili. Non perdete tempo, segnatele in agenda e correte a visitarle! Ecco le mostre da non perdere questo mese

Pablo Atchugarry a Palazzo Reale

La mostra vuole essere un punto di riflessione e un omaggio alla grande carriera di Pablo Atchugarry. Uno scultore che con la sua notorietà internazionale, il curriculum delle esposizioni, la presenza nelle collezioni più importanti del mondo, e i suoi risultati di mercato planetari, costituisce il vero esempio di un artista che ha saputo concentrare nel suo lavoro il gusto globalizzato di tutti i collezionisti e gli esperti del mondo.

Pietro Lingeri. Astrazione e costruzione alla Triennale Milano

Triennale Milano presenta la mostra Pietro Lingeri. Astrazione e costruzione, uno speciale percorso espositivo dedicato all’architetto Pietro Lingeri (1894-1968), a cura di Gabriele Neri e con progetto di allestimento di Onsitestudio, sviluppato nell’ambito di un lavoro di digitalizzazione e valorizzazione dei materiali dell’Archivio Pietro Lingeri, frutto di una collaborazione con l’archivio stesso.

LEGGI ANCHE: Mostra Pietro Lingeri. Astrazione e costruzione in Triennale: orari, biglietti, info

Disney. L’arte di raccontare storie al Mudec

Un viaggio straordinario, magico e approfondito quello della mostra al Mudec, il Museo delle Culture di Milano dedicata ai capolavori dei film d’animazione Disney. Uno sguardo esplorativo e incuriosito dietro le quinte per vedere come nascono i film, a partire dagli straordinari artisti che riescono a dare vita a racconti che entreranno per sempre nella storia. Una mostra che affascinerà bimbi ed adulti, perchè le magiche storie raccontate dalla Disney sono senza tempo.

LEGGI ANCHE: Mostra Disney Mudec Milano: L’arte di raccontare storie, tutte le info

Aura – The Immersive Light Experience alla Fabbrica del Vapore

Aura supera il concetto di spettatore trasformandolo in attore di un colossale, magico spettacolo creativo in cui l’aura di ciascuno interagisce con quella di chi gli è vicino, catalizzando campi energetici nuovi, emettendo nuove luminosità. Rendendo percettibile a tutti, attraverso sofisticatissime tecnologie che sono innanzitutto originali atti creativi, il concetto orientale dell’aura che circonda tutti i corpi.

Monet Opere dal Musée Marmottan Monet di Parigi a Palazzo Reale

Un percorso espositivo dove ad accogliere il pubblico ci saranno 53 opere di Monet tra cui le sue Ninfee (1916-1919), Il Parlamento. Riflessi sul Tamigi (1905) e Le rose (1925-1926), la sua ultima e magica opera: un prestito straordinario non solo perché riunisce alcune delle punte di diamante della produzione artistica di Monet, ma anche per l’enorme difficoltà di questo periodo nel far viaggiare le opere da un paese all’altro.

Il percorso cronologico ripercorre l’intera parabola artistica del Maestro impressionista, letta attraverso le opere che l’artista stesso considerava fondamentali, private, tanto da custodirle gelosamente nella sua abitazione di Giverny; opere che lui stesso non volle mai vendere e che ci raccontano le più grandi emozioni legate al suo genio artistico.

Sculture lignee a confronto dalle città ducali di Vigevano e Milano al Castello Sforzesco

È un periodo di florida produzione artistica nel territorio lombardo tra l’epoca di Ludovico il Moro, la dominazione francese e il momento dell’ultimo duca Francesco II Sforza, che nei primi anni ’30 del XVI secolo si dedica alla riqualificazione del castello e del duomo di Vigevano. Un’epoca in cui molte corti – ora rivali, ora alleate – tutte splendide e sovente imparentate da convenienti matrimoni, nonostante il susseguirsi di turbolenze politiche e militari e pestilenze, contribuirono a dare vita in Italia a quell’età dell’oro dell’arte che produrrà non solo capolavori già universalmente conosciuti, ma anche opere di destinazione liturgica di straordinaria fattura e qualità estetica ancora in gran parte da scoprire, come la mostra attuale si prefigge di dimostrare.

The way we are, la mostra per i 40 anni di Emporio Armani

Lo spirito aggregativo di Emporio Armani viene riproposto in un’esperienza unica che attraversa quattro decenni di un brand all’avanguardia e trasversale. Un viaggio a 360 gradi negli spazi del Silos che da vita ad un vero e proprio manifesto.

Mostra Fumetto: i comics made in Italy a Wow Spazio Fumetto

Ripercorrere la storia del Fumetto italiano nei suoi tratti essenziali attraverso oltre 100 opere originali e 200 pubblicazioni, arrivando fino ai nostri giorni. Una grande occasione di conoscere meglio questo formidabile medium e ammirare tavole di Hugo Pratt, Guido Crepax, Benito Jacovitti, Magnus, Sergio Toppi, Grazia Nidasio e tantissimi altri.

The World of Banksy: the Immersive Experience alla Galleria dei Mosaici (lato IV Novembre) della Stazione Centrale

Torna a Milano con oltre 130 opere, di cui più di 30 opere mai esposte prima, che raccontano, attraverso un percorso immerso il mondo dell’ artista, che affronta sempre con ironia disarmante temi politici e denunce sociali.

Sotto il cielo di Nut. Egitto Divino al Civico Museo Archeologico

Un viaggio attraverso il meraviglioso mondo delle divinità egizie al Civico Museo Archeologico. Attraverso una serie di reperti come bronzi, sarcofagi e mummie, verranno illustrati diversi aspetti di queste creature dalle forme ibride, metà uomini e metà animali e il conseguente culto degli animali. La mostra intende illustrare il significato delle immagini divine e la relazione tra l’uomo e il divino, nella vita quotidiana e nell’aldilà, di questa straordinaria civiltà.

What do you think?

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Loading…

0

Criptovalute: boom di utenti per le piattaforme di compravendita, ma quali sono le migliori?

Lifestyle: 5 accessori che ogni uomo dovrebbe utilizzare