Apre in piazza Insubria un punto prestito libri
in

Apre in piazza Insubria un punto prestito libri

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Gli assessori Filippo Del Corno (Cultura) e Marco Granelli (Lavori pubblici) hanno inaugurato oggi il punto di prestito libri di piazza Insubria 3, sede provvisoria sostitutiva della Biblioteca Calvairate, attualmente chiusa fino alla conclusione dei lavori di ampliamento e rifacimento.

Lo stabile che ospiterà il punto di prestito, recentemente ristrutturato, si trova all’interno di un complesso di proprietà ALER. Gli scaffali ospiteranno circa 4.000 documenti tra libri e audiovisivi, che insieme al catalogo online, saranno messi a disposizione per il servizio di prestito locale e interbibliotecario.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Apre in piazza Insubria un punto prestito libri

Il punto di prestito Insubria rimarrà aperto al pubblico con i seguenti orari: martedì, giovedì dalle ore 10 alle 14:30, mercoledì, venerdì dalle ore 14 alle 19, sabato dalle ore 10 alle 14. Nella nuova sede, accessibile tramite appuntamento, saranno disponibili i servizi di consulenza bibliografica, iscrizione, prestito, prenotazione e restituzione. Non sarà possibile stazionare per consultazioni in sede o per studio.

Nel frattempo, proseguono i lavori di ampliamento e rifacimento della Biblioteca Calvairate di via Ciceri Visconti – piazzale Martini, che porteranno gli spazi da 900 a 1.250 metri quadri con un ampliamento di circa il 40%.

Iniziati nel febbraio del 2020, i lavori si concluderanno il prossimo ottobre. Seguiranno i collaudi e gli adempimenti per ottenere le certificazioni di sicurezza. Si prevede che la sede potrà essere aperta nella primavera 2022.

“La Biblioteca è un simbolo di questo quartiere – dichiara Marco Granelli assessore ai Lavori pubblici – fin dal 1969 quando fu inaugurata e da sempre è molto utilizzata e vissuta dai residenti. Per questo è così importante dare ai cittadini nuovi spazi, più funzionali e piacevoli da usare. Un centro di cultura ma anche di scambio e di incontro per tutte le età che con questo ampliamento potrà moltiplicare il suo utilizzo”.

“L’ampliamento della sede della Biblioteca, sia in termini volumetrici che funzionali, rappresenta un miglioramento della qualità complessiva del servizio – dichiara l’assessore alla Cultura Filippo Del Corno –. La precedente sede era ospitata in un edificio prefabbricato, con tutti i limiti che una tale struttura impone, mentre questo nuovo stabile consentirà un servizio più efficiente, migliorando la qualità delle prestazioni offerte al quartiere e alla città. Questa nuova biblioteca rappresenta un ulteriore, grande passo in avanti di quel piano che abbiamo lanciato insieme al Sindaco Sala nel 2016, in base al quale sono state rifunzionalizzate e messe in sicurezza molte sedi bibliotecarie e, come in questo caso, sono stati completamente reinventati gli spazi”.

La nuova sede, oltre all’ampliamento degli spazi, vedrà un totale ripensamento di funzioni e servizi migliorando anche l’accessibilità e la visibilità dell’edificio tramite lo spostamento dell’ingresso principale della biblioteca su piazzale Martini.

Sarà articolata in un ampio spazio di ingresso e accoglienza, più informale e di primo accesso ai servizi; un’ampia parte centrale che ospiterà le collezioni, l’area studio, lo spazio bambini e ragazzi, e servizi destinati a nuovi pubblici (servizi per adolescenti, spazio di coworking), la cui progettazione prevedrà un percorso preliminare di interrogazione e ascolto del territorio per raccoglierne bisogni e aspettative. Al primo piano vi sarà un’ampia sala polifunzionale, da utilizzare per corsi, conferenze, presentazioni libri ed eventi, realizzati anche in sinergia con il Municipio. Il primo piano potrà essere utilizzato anche negli orari di chiusura della biblioteca.

Gli arredi verranno completamente rinnovati e pensati per rispondere alle nuove funzioni.

L’edificio esistente si sviluppava su un unico piano fuori terra con una superficie coperta di circa 930 metri quadri, ed era realizzato con strutture, pareti metalliche e copertura in lamiera.

Per ampliare la Biblioteca è stata demolita una parte dell’edificio esistente e poi ricostruito un edificio in cemento armato di due piani. La parte restante della biblioteca, il corpo basso, è rimasto invece con dimensioni, superfici e volumi, invariati. Le pareti perimetrali e la copertura sono state completamente sostituite con materiali e finiture adeguate alle norme vigenti in termini di contenimento energetico e isolamento acustico. Anche gli impianti di climatizzazione, riscaldamento, illuminazione, antincendio, vengono completamente sostituiti e adeguati alle norme vigenti; sul tetto dell’edificio lato piazzale Martini verranno inoltre posizionate, opportunamente schermate, la centrale termica e le macchine per il condizionamento; sempre sul tetto è prevista l’installazione di un impianto solare fotovoltaico che produrrà parte dell’energia elettrica assorbita durante il funzionamento della struttura.

Vengono inoltre riqualificati anche gli spazi esterni e le aree a verde pertinenti alla biblioteca, mantenendo però il loro collegamento diretto con le sale della biblioteca per consentire agli utenti di fruire degli spazi anche all’aperto, nel verde.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Caricando...

0
White milano

White Milano 2021: il programma

Economia milanese, l’impatto economico e urbanistico dello smart working