Pista da sci ad Arese
in

Pista da sci ad Arese: ritorna il progetto

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Pista da sci ad Arese, ritorna il progetto. Dopo l’approvazione della Regione Lombardia alla riqualificazione di Arese, potrebbe sorgere accanto al Centro commerciale “Il Centro”, nato sulle ceneri dell’ex Alfa Romeo, la pista al coperto. Una pista da sci disponibile tutto l’anno.

Pista da sci ad Arese

Il progetto SkyDome è del 2016 e ora sta per esser concretizzato. Grazie alle Olimpiadi Invernali di Milano-Cortina 2026 che porteranno in città molti turisti.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

LEGGI ANCHE: Olimpiadi invernali 2026: vince Milano & Cortina

Antonio Rossi, sottosegretario alla regionale con delega ai grandi eventi e alle Olimpiadi Invernali, ha rispolverato il progetto:

“La costruzione ad Arese dello Ski Dome potrebbe aprire importanti prospettive sportive e turistiche per Milano e tutta la Lombardia. Potrebbe, inoltre, assumere un’interessante valenza in chiave olimpica. La pista al chiuso da realizzare all’interno del palazzo dello sci potrebbe, infatti, essere utilizzata per allenamenti mirati, effettuabili 365 giorni l’anno, e per test delle squadre nazionali olimpiche e paralimpiche, impegnate nel 2026 sulle nevi della Valtellina. Inoltre, lo Ski Dome potrebbe diventare un punto di formazione per i tecnici dello sci alpino“.

Il progetto

Il modello su cui verrà realizzata questa pista da sci indoor è quello di Dubai. Un’idea dalle dimensioni faraoniche, creata per lasciare tutti a bocca aperta. L’ideatore del progetto èl’archistar Michele de Lucchi. La pista nascerà per stupire tutti. 350 metri di lunghezza per 60 di larghezza. Il dislivello raggiungerà i 60 metri. E non solo. Sarà aperta estate ed inverno, sempre pronta e ricoperta di neve.

Dal 2016 al 2019

Nel 2019 hanno dichiarato i deputati della Lega Fabio Massimo Boniardi, assessore alla Sicurezza, Mobilità, Viabilità Fund Rising e Protezione Civile di Garbagnate, e Fabrizio Cecchetti, vicecapogruppo vicario della Lega alla Camera e Commissario del Carroccio a Milano:

“Oltre che un successo storico per la nostra Regione, l’assegnazione delle Olimpiadi 2026 a Milano-Cortina rappresenta anche un grande volano per lo sviluppo economico del nostro territorio e per la sua riqualificazione. Grazie al lavoro costante della Regione Lombardia, l’Accordo di programma con i Comuni di Garbagnate, Arese e Lainate per il progetto dello Skydome va nella direzione giusta. Parliamo di una pista da sci indoor unica non solo in Italia ma anche in Europa, con i suoi 350 metri di lunghezza, 60 di larghezza e un dislivello di altri 60 metri, e sempre ricoperta di neve, anche d’estate.”

“Un’opera avveniristica, che sarà accompagnata da altre strutture sanitarie, come il polo mondiale per il recupero dagli infortuni per gli atleti, e ricettive, tra le quali anche un hotel di lusso – numerose federazioni europee di sci sono già in fibrillazione per le prenotazioni -. E tutto questo esclusivamente a spese di un privato. Dunque, un’occasione più unica che rara, a maggior ragione se si tiene conto che un’eccellenza di queste dimensioni sarà una risorsa preziosa anche dopo la fine delle Olimpiadi 2026, a beneficio delle scuole e dunque dei nostri giovani nella pratica degli sport invernali. La Regione Lombardia ha già dimostrato grandi doti amministrative ed organizzative. Non è certo un caso se è stata premiata a Losanna con i Giochi invernali del ’26. Siamo certi che questo grande progetto sarà valorizzato come merita“.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Caricando...

0
Riapertura Scala di Milano 11 maggio

Riapertura Scala di Milano: 11 maggio l’evento

Guido Crepax ponte viale Cassala

Dedicato a Guido Crepax il ponte in viale Cassala