Prenotazione vaccino in Lombardia con Poste
in

Prenotazione vaccino in Lombardia con Poste: ecco come fare

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Prenotazione vaccino in Lombardia con Poste, ecco come fare. Da venerdì 2 aprile infatti le prenotazioni dei vaccini anti Covid passeranno ufficialmente sulla nuova piattaforma gestita da Poste Italiane. Da sabato quindi non dovrebbero più esserci le problematiche che si sono presentate con il sistema di Aria. Niente più problemi tecnici si spera, con appuntamenti saltati e sms che non arrivano.

“Le cose che non vanno ci sono, le facciamo notare e insieme si mettono a posto. Ovviamente non viviamo nel Paese ideale, ci potrebbero essere problemi, li miglioriamo, i sistemi informativi da domani prenderanno una nuova luce con il sistema nazionale, quello della struttura commissariale di Poste italiane quindi sono confidente che si farà ancora meglio” ha annunciato il generale Francesco Paolo Figliuolo

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Come prenotare il vaccino sul sito di Poste: ecco come fare

“Finora abbiamo somministrato 1,6 mln di dosi e il 63% degli over 80 ha ricevuto almeno una dose, il 28% anche la seconda. Stiamo procedendo in questa fase in maniera positiva. Siamo confidenti che, come ci ha anticipato ieri il generale Figliuolo, presto arriverà un numero di dosi molto più ampio” ha commentato Fontana.

Da venerdì 2 aprile quindi aprirà ufficialmente il sito di prenotazione gestito da Poste, raggiungibile a questo link accesso.prenotazioni.vaccinicovid.gov.it . Come in precedenza, avranno accesso le categorie che saranno indicate, di volta in volta, per la somministrazione delle vaccinazioni. Partiranno quindi le prenotazioni con gli over 70. LE vaccinazioni di questi ultimi dovrebbero iniziare, salvo problematiche, dal 13 aprile. Infatti la vaccinazioni agli over 80 dovrebbero esser terminate l’11 aprile.

LEGGI ANCHE: Vaccini over 80 in Lombardia: fissati tutti gli appuntamenti

Come in precedenza per prenotarsi basterà la tessera sanitaria. Una volta all’interno del sito, ed inserito numero di tessera sanitaria, codice fiscale e numero di telefono, verranno mostrati i centri vaccinali più vicini alla residenza, con giorni e orari disponibili. Una volta effettuata la scelta il sistema invierà in automatico un sms di conferma.

Scendono in campo gli ospedali privati

Per recuperare i ritardi e dare una marcia in più al piano vaccinale si ricorre agli ospedali privati. Partiti da 16, gli hub vaccinali saliranno nel corso dei prossimi giorni a 30. Multimedica, Humanitas, e Auxologico sono già scesi in campo, a breve seguirà anche al San Raffaele. Salirà il numero di vaccinazioni e il numero di immunizzati. Si spera di raggiungere 10 mila appuntamenti al giorno per raggiungere le 70 mila vaccinazioni settimanali.

Continua a leggere >> Ora ci si può vaccinare anche negli ospedali privati

Ci si vaccina anche al museo

Per portare avanti la campagna di vaccini all’intero corpo scolastico, quindi non solo insegnanti ma anche personale ausiliario, sono stati aperti i padiglioni del Museo della scienza e della tecnologia Leonardo Da Vinci.

Continua a leggere >> Vaccino covid ad insegnanti in Lombardia: parte la campagna

Vaccini in azienda e in fabbrica

Le aziende sono pronte ad aprire le porte e vaccinare in massa i propri dipendenti ma i medici sono più cauti con l’ottimismo, intravvedendo possibili problematiche. Se fosse attuabile aiuterebbe in maniera massiccia il piano vaccinale in atto in Lombardia. Accanto agli hub e gli ospedali privati, a scendere in campo contro il Covid, ora potrebbero anche esser le aziende. Una risposta concreta all’emergenza.

Continua a leggere >> Vaccini anti-covid in azienda: idea valida o no?

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Caricando...

0
DPCM aprile: tutte le regole e le zone

DPCM aprile: tutte le regole e le zone

Scuole riaperte dopo Pasqua

Scuole riaperte dopo Pasqua: saggia decisione o errore?