Connect with us

Notizie

Primark apre a Rozzano: 240 nuovi posti di lavoro


Pubblicato

il


3333

Mentre si attendono conferme sul nuovo store che dovrebbe aprire in via Torino a Milano, Primark apre un nuovo mega al centro commerciale Fiordaliso di Rozzano. 5mila metri quadri di negozio che apriranno ben 240 nuovi posti di lavoro. Il nuovo store sarà inaugurato entro fine 2019. Questo nuovissimo store sarà così il secondo ad aprire nella periferia milanese. Il primo negozio è ovviamente quello di Arese, che già dal suo primo giorno di apertura registrò cifre da record.

Segnate questa data: 4 dicembre 2019. L’apertura del nuovo mega store a Rozzano.

Advertisements

LEGGI ANCHE: Primark apre a Rozzano: un nuovo mega store in città giusto in tempo per Natale 2019

Primark apre a Rozzano: 240 nuovi posti di lavoro

Sembrava che l’inaugurazione dello store di via Torino, nel pieno centro della metropoli milanese dovesse esser entro la fine dell’anno, ed invece a sorpresa un nuovo negozio aprirà a Rozzano.

“Siamo entusiasti della prossima apertura di un nuovo store Primark a Milano – ha commentato Stephen Mullen, Retail Director Primark -. La grande affluenza di clienti ogni giorno nel nostro punto vendita di Arese ci ha convinti ad aprire un altro negozio nella città della moda”.240 nuovi posti di lavoro sono disponibili per il nuovo store. Tra le figure ricercate ci sono addetti alle vendite e supervisor area vendite, visual merchandiser, magazzino e cassa.

Il negozio nel palazzo maledetto di via Torino a Milano

Sembrava che fosse proprio Primark a sfidare la maledizione del palazzo di Via Torino 45. Il marchio irlandese doveva fare la sua comparsa nel palazzo di Via Torino angolo Via Palla entro la fine del 2019. Un edificio che di storia alle spalle ne ha molta. Sono molti i grandi marchi che negli anni si sono susseguiti al suo interno. Molto ambito ma anche decisamente sfortunato. A dispetto di quello che si pensa, ovvero che avere un negozio in centro sia la fortuna di ogni marchio, qui le attività, note o meno note, naufragano. Mentre nei palazzi vicini le attività sono sempre in attivo e in crescita. 10 mila metri quadrati di superficie lorda che ora sono ad attendere un nuovo marchio che interrompa la cosiddetta maledizione. Quando nel 2016 Trony fallì il palazzo venne messe in vendita dalla famiglia Mosconi, proprietaria dell’immobile. Le offerte sfiorarono i 90 milioni e più. Ma alla fine, pur con delle proposte così allettanti, i proprietari hanno optato ancora per l’affitto.

LEGGI ANCHE: Primark apre a Milano e sfida la maledizione del palazzo di Via Torino 45

Newsletter

Resta aggiornato sui migliori eventi in città. Vivi la tua #milanolife

Accetto il trattamento dati secondo i termini definiti da MailChimp ( ulteriori informazioni )

Dati utilizzati unicamente per erogare il servizio e non saranno utilizzati per altri fini ne ceduti a terzi. Puoi effettuare la cancellazione in qualsiasi momento

Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Trasporti

Sciopero Alitalia a Milano: 150 voli cancellati

Pubblicato

il

Uno sciopero Alitalia, a Milano e in Italia, confermato e che lascerà a terra ben 150 voli dagli aeroporti di Linate, Malpensa e Orio Al Serio. La protesta è indetta dai sindacati del personale di Air Italy. Bloccherà piloti, assistenti di volo e personale di terra di Alitalia e Air Italy. Non si limiterà alle sole 24 ore del 13 dicembre 2019. Ci sarà il rispetto delle fasce di garanzia dalle 7 .00 alle 10.00 e dalle 18.00 e alle 21.00.

“La protesta è stata indetta in virtù del perdurare delle crisi Alitalia e Air Italy, per chiedere una riforma del comparto che intervenga nella concorrenza tra imprese del settore, per norme specifiche contro il dumping contrattuale e  il finanziamento strutturale del Fondo di Solidarietà di settore”.

Sciopero Alitalia a Milano: 150 voli cancellati

Advertisements

Cancellati molti voli, collegamenti e tratte nell’intera Italia, diretti in Europa e in alcuni voli intercontinentali. La maggior parte dei voli bloccati sono nella giornata di venerdì 13 dicembre. Alcuni voli cancellati sono anche nelle giornate di giovedì 12 dicembre e sabato 14 dicembre 2019. Molti disagi quindi per i passeggeri coinvolti nelle cancellazioni. L’obiettivo è quello di prenotare per i viaggiatori coinvolti nelle cancellazioni posti sui primi voli disponibili in giornata, grazie all’utilizzo di aerei più capienti. Secondo le previsioni saranno almeno il 50% dei viaggiatori a partire comunque durante il 13 dicembre.

Informazioni, rimborsi e cambi prenotazioni

Gli utenti coinvolti nelle cancellazioni possono controllare su quale volo sono stati riprenotati collegandosi al sito di Alitalia e inserendo, nella sezione ‘I MIEI VOLI’ in home page, il proprio ‘Nome’, ‘Cognome’ e il ‘Codice di Prenotazione’. Possibile chiedere informazioni, chiamando il numero verde 800.65.00.55 (dall’Italia) o il numero +39.06.65649 (dall’estero). Potete anche contattare l’agenzia di viaggio dove hanno acquistato il biglietto. Per i voli del 12 dicembre o nella mattina del 14 dicembre sarà possibile cambiare la prenotazione senza alcuna penale o chiedere il rimborso del biglietto fino al 18 dicembre.

Newsletter

Resta aggiornato sui migliori eventi in città. Vivi la tua #milanolife

Accetto il trattamento dati secondo i termini definiti da MailChimp ( ulteriori informazioni )

Dati utilizzati unicamente per erogare il servizio e non saranno utilizzati per altri fini ne ceduti a terzi. Puoi effettuare la cancellazione in qualsiasi momento

Continua a leggere
Advertisement

Popolari