Connect with us

Notizie

Il mercato coperto di Zara: il progetto


Pubblicato

il


3333

Il mercato coperto di Zara torna protagonista della vita dell’Isola, un altro luogo in città viene riqualificato. Sindaco e Tajani: “Stiamo scommettendo sul rilancio di luoghi che sono l’essenza stessa dei quartieri, per storia, funzione e socialità”. Il Mercato comunale coperto di Zara, in piazzale Lagosta, si rinnova e torna ad esser il centro della vita commerciale e sociale del quartiere. Questo è l’obbiettivo del progetto presentato questa mattina. Ad illustrare i contenuti del progetto a stampa, operatori e cittadini il Sindaco Giuseppe Sala insieme all’assessore alle Politiche per il lavoro, Attività produttive e Commercio Cristina Tajani con Bruno Mazzoleni, Presidente di Serim, che tramite la propria controllata Mediolana S.r.l. sarà il nuovo gestore unico della struttura per i prossimi 20 anni.

LEGGI ANCHE: Il Mercato Centrale di Milano pronto per l’apertura: tutti i dettagli

Il mercato coperto di Zara: il progetto

Advertisements

Sono previsti circa 9 mesi di lavori, a partire dal prossimo ottobre. Il rinnovo sarà totale e la struttura diventerà polifunzionale, affiancando la vendita alla somministrazione e trasformazione di alimenti e bevande Previste inoltre attività culturali negli spazi interni ed esterni, con l’obbiettivo di coinvolgere non solo i residenti ma tutti i cittadini della città. 

900 mq, di cui 600 interni e 300 esterni, ospiteranno dall’angolo dedicato agli amanti del pesce, all’angolo dedicato ai cultori della carne. Ci saranno spazi dedicati al formaggio e ai salumi, birre artigianali e pasta fresca. Non mancheranno piatti pronti e i grandi classici italiani, una pizzeria, un classico bar e una gelateria. Ci sarà anche uno spazio dedicato ai vegani. Tutte le cucine saranno a vista così da permettere ai clienti di osservare le fasi di preparazione dei piatti.

La struttura ospiterà al suo interno uno spazio ristorante che, ogni due anni, modificherà la sua offerta in linea con le tendenze gastronomiche internazionali. I primi due anni si tratterà di pokeria di origine hawaiana. All’esterno uno spazio dedicato alla vendita di fiori e piante. Ovviamente sarà tutto totalmente plastic-free. Piatti e posate bio, ma anche mattonelle e rivestimenti realizzati con materiali riciclati.

LEGGI ANCHE: Corso Sempione come gli Champs Elysées entro il 2020: parte il progetto di riqualificazione

La parola al Sindaco

“Il quartiere Isola, negli ultimi vent’anni, è stato protagonista di un profondo rinnovamento – ha detto il Sindaco di Milano, Giuseppe Sala –, pur conservando la sua identità di un tempo. La ristrutturazione dei vecchi edifici, l’apertura di nuovi locali e della stazione della linea M5 della metropolitana hanno contribuito a renderlo più funzionale, attrattivo, accessibile. Mancava a questo quadro proprio la riqualificazione dello storico mercato coperto Zara di piazzale Lagosta. Con il nuovo progetto che unisce tradizione a innovazione, cibo buono e vario a cibo sano, il mercato coperto ritroverà la sua vocazione di luogo di aggregazione ma sarà in grado di conquistare i nuovi arrivati nel quartiere e i vecchi storici residenti”.

LEGGI ANCHE: Milano 2030, arriva il progetto: 20 nuovi parchi, una circle line ferroviaria e case a prezzi bassi

All’assessore alle Politiche per il lavoro, Attività produttive e Commercio Cristina Tajani

“Dopo la riqualificazione delle realtà di Santa Maria del Suffragio e di Lorenteggio oggi aggiungiamo uno nuovo tassello al progetto di modernizzazione e rivalutazione dei mercati coperti per renderli sempre più moderni, efficienti e protagonisti della vita dei economica e sociale dei quartieri in cui insistono” cosi l’assessore alle Politiche per il lavoro, Attività produttive e Commercio Cristina Tajani che prosegue: ”Un progetto imprenditoriale che ha salvaguardato la permanenza della maggior parte degli operatori precedentemente presenti nella struttura, traghettandoli verso un nuovo modello di mercato. Nei prossimi mesi saranno i mercati coperti di Wagner, Ferrara e Morsenchio ad essere oggetto di un nuovo processo di sviluppo che sta coinvolgendo tutte le strutture mercatali del Comune”.

Newsletter

Resta aggiornato sui migliori eventi in città. Vivi la tua #milanolife

Accetto il trattamento dati secondo i termini definiti da MailChimp ( ulteriori informazioni )

Dati utilizzati unicamente per erogare il servizio e non saranno utilizzati per altri fini ne ceduti a terzi. Puoi effettuare la cancellazione in qualsiasi momento

Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Trasporti

Sciopero Alitalia a Milano: 150 voli cancellati

Pubblicato

il

Uno sciopero Alitalia, a Milano e in Italia, confermato e che lascerà a terra ben 150 voli dagli aeroporti di Linate, Malpensa e Orio Al Serio. La protesta è indetta dai sindacati del personale di Air Italy. Bloccherà piloti, assistenti di volo e personale di terra di Alitalia e Air Italy. Non si limiterà alle sole 24 ore del 13 dicembre 2019. Ci sarà il rispetto delle fasce di garanzia dalle 7 .00 alle 10.00 e dalle 18.00 e alle 21.00.

“La protesta è stata indetta in virtù del perdurare delle crisi Alitalia e Air Italy, per chiedere una riforma del comparto che intervenga nella concorrenza tra imprese del settore, per norme specifiche contro il dumping contrattuale e  il finanziamento strutturale del Fondo di Solidarietà di settore”.

Sciopero Alitalia a Milano: 150 voli cancellati

Advertisements

Cancellati molti voli, collegamenti e tratte nell’intera Italia, diretti in Europa e in alcuni voli intercontinentali. La maggior parte dei voli bloccati sono nella giornata di venerdì 13 dicembre. Alcuni voli cancellati sono anche nelle giornate di giovedì 12 dicembre e sabato 14 dicembre 2019. Molti disagi quindi per i passeggeri coinvolti nelle cancellazioni. L’obiettivo è quello di prenotare per i viaggiatori coinvolti nelle cancellazioni posti sui primi voli disponibili in giornata, grazie all’utilizzo di aerei più capienti. Secondo le previsioni saranno almeno il 50% dei viaggiatori a partire comunque durante il 13 dicembre.

Informazioni, rimborsi e cambi prenotazioni

Gli utenti coinvolti nelle cancellazioni possono controllare su quale volo sono stati riprenotati collegandosi al sito di Alitalia e inserendo, nella sezione ‘I MIEI VOLI’ in home page, il proprio ‘Nome’, ‘Cognome’ e il ‘Codice di Prenotazione’. Possibile chiedere informazioni, chiamando il numero verde 800.65.00.55 (dall’Italia) o il numero +39.06.65649 (dall’estero). Potete anche contattare l’agenzia di viaggio dove hanno acquistato il biglietto. Per i voli del 12 dicembre o nella mattina del 14 dicembre sarà possibile cambiare la prenotazione senza alcuna penale o chiedere il rimborso del biglietto fino al 18 dicembre.

Newsletter

Resta aggiornato sui migliori eventi in città. Vivi la tua #milanolife

Accetto il trattamento dati secondo i termini definiti da MailChimp ( ulteriori informazioni )

Dati utilizzati unicamente per erogare il servizio e non saranno utilizzati per altri fini ne ceduti a terzi. Puoi effettuare la cancellazione in qualsiasi momento

Continua a leggere
Advertisement

Popolari