in

Come scegliere il mezzo migliore per spostarsi a Milano per una settimana di lavoro

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Milano è con ogni probabilità una delle città italiane più visitate per trasferte brevi: è infatti la classica meta che raggiungiamo per alcuni giorni alla settimana quando si tratta di sbrigare faccende lavorative, ma è allo stesso tempo una città talmente ricca di attrazioni ed eventi da attirare quotidianamente migliaia di persone provenienti da tutte le regioni del nostro Bel Paese. Dunque, poco importa che ci troviamo costretti a raggiungere Milano per un meeting professionale o che scegliamo di farlo per godere di un concerto. Il risultato non cambia: ci troveremo per pochi giorni all’interno di una città che magari non conosciamo al meglio; saremo con ogni probabilità sprovvisti del nostro mezzo di trasporto usuale e ci troveremo quindi nella necessità di trovare (in fretta) una soluzione efficace. Ebbene, se vi siete posti problemi di questo tipo, questo è semplicemente l’articolo perfetto per voi: oggi infatti proveremo a scoprire come scegliere il mezzo migliore per spostarsi a Milano per una settimana di lavoro (o di svago, poco importa). Pronti a saperne di più?

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

OPZIONE NOLEGGIO AUTO

Ovviamente il noleggio di un’automobile è la soluzione ideale per chiunque abbia poco tempo da perdere e magari molte mete da visitare. Senza contare che è una scelta quasi obbligata qualora si abbia necessità di muoversi all’interno del cosiddetto hinterland milanese. Chiaramente le ditte che si occupano di noleggio auto sono molteplici e starà soltanto a voi trovare quella più adatta alle vostre esigenze, in base a trattamento, modelli a disposizione, prezzi e via dicendo. Una volta individuata la soluzione ideale, magari aiutandosi coi servizi sul web, sarà possibile noleggiare un’auto a Milano su rent.it o su uno dei numerosi servizi simili, il tutto in maniera abbastanza immediata. Di seguito, però, vogliamo darvi qualche indicazione per testare l’effettiva affidabilità del servizio a cui intendete affidare la vostra preferenza. Innanzitutto, è sempre più che consigliato fare dei confronti in tempo reale tra le diverse offerte di noleggio: si sa, prevenire è sempre meglio che curare e soltanto così avrete la certezza di non perdere denaro prezioso. Dopodiché un aspetto che contraddistingue i noleggi migliori è sicuramente la capillarità: ciò vuol dire possibilità di affittare e di restituire il mezzo noleggiato nel maggior numero possibile di punti, distribuiti in diverse zone strategiche della città. Pensate ad esempio a quanto sarebbe scomodo dovere restituire un’automobile in zona aeroporto, dovendo poi ripartire dalla stazione centrale.

ALTRE OPZIONI

Veniamo ora ad alcune opzioni alternative al noleggio, da valutare solo se effettivamente idonee alle vostre esigenze. Iniziamo ovviamente dal cosiddetto Car Sharing, ovvero dalla possibilità di aderire ad un servizio che mette a disposizione diverse auto sul territorio: detto in altre parole, aderendo ad un servizio di Car Sharing visualizzeremo una mappa che ci indicherà la macchina più vicina alla nostra posizione. Troppo bello per essere vero? Quasi, visto che non è detto che, al momento del bisogno, troviate un’automobile nei dintorni e, soprattutto, visto che i servizi di Car Sharing costano tendenzialmente di più rispetto ai servizi di noleggio di cui sopra. Infine potreste decidere di optare per i cari vecchi mezzi di trasporto pubblico. Da questo punto di vista va detto che Milano è con ogni probabilità la città più competitiva d’Italia, ma va anche ammesso che la comodità di un mezzo di trasporto proprio non è lontanamente paragonabile a quella di un autobus, di una metro, di un trenino ecc.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Caricando...

0

A cosa serve il riduttore per il lettino di un neonato e come individuare il più adatto?

Abbonamento ATM e Trenord: come detrarlo dalla dichiarazione dei redditi