Questa mattina 15 marzo 2019, dalle 8.30 erano centinaia e centianaia gli studenti radunati in piazzale Loreto. Sono poi partiti in corteo verso largo Cairoli, luogo scelto per il ritrovo di tutti i manifestanti allo sciopero per il clima. È iniziato così il “friday for future”, il giorno di protesta che unisce tutto il mondo nella lotta contro i cambiamenti climatici per un futuro migliore senza inquinamento. “Sarà un evento storico, un evento per studenti e professori, un evento per famiglie e per tutti coloro che hanno a cuore il clima”.

Simbolo della protesta: l’attivista Greta Thunberg. «Considerando che circa il 70% delle emissioni globali viene prodotto dalle città Milano potrebbe fungere da leader in Italia dimostrando come la mobilitazione degli studenti e dei cittadini può spronare a lottare insieme contro i cambiamenti climatici» hanno dichiarato i promotori della manifestazione.

Studenti scioperano per il clima a Milano: il traffico della città è in tilt

Alle 9.30 è partito il corteo ufficiale da Largo Cairoli. Il passaggio del serpentone è previsto in largo Cairoli, via Cusani, via dell’Orso, via Monte di Pietà, via Pisoni, via Manzoni per poi arrivare in piazza della Scala, luogo per il presidio. Le strade rimangono chiuse al traffico per permettere la manifestazione. Disagi previsti anche per i mezzi Atm. L’Azienda ha già segnalato “deviazioni e possibili rallentamenti” per i tram 1, 2, 3, 12, 14 e 15 e per i bus 54, 61, 94. Traffico in tilt in centro a Milano, ma per una buona causa. “No pollution is the solution” – “La soluzione è niente inquinamento”. Ecco gli studenti che hanno occupato le carreggiate di corso Buenos Aires e corso Venezia dirette verso il centro. Sono loro che hanno mandato inizialmente in tilt la circolazione, proprio nell’orario di punta.

Tra i partecipanti scuole, collettivi studenteschi, associazioni ambientaliste, le ragazze di “Non una di Meno”, le stesse che hanno indetto lo sciopero dell’8 marzo, e ovviamente il nostro primo cittadino Beppe Sala.

Studenti scioperano per il clima a Milano: le motivazioni

“Scendiamo in piazza per il clima il 15 marzo, una giornata di mobilitazione globale che avverrà in oltre 40 Paesi. Tutti insieme, dobbiamo far vedere che la situazione è grave e deve essere affrontata”, spiegano da Fridays for future, il movimento nato ispirandosi a Greta Thunberg, la 16enne svedese che ogni venerdì protesta fuori dal Parlamento di Stoccolma.

“Tre anni dopo la firma dell’Accordo di Parigi, le promesse che ci sono state fatte devono ancora trasformarsi in azioni. Dobbiamo accelerare la transizione verso un’Italia senza emissioni di gas serra. Sono sempre più numerosi i cittadini che vogliono aria più pulita, meno plastica nei nostri oceani, più energia da fonti rinnovabili, un futuro sostenibile per i bambini, in breve più risolutezza politica per il pianeta”, spiegano dall’associazione.

“Il 15 marzo facciamo appello per una politica climatica più ambiziosa a livello globale, europeo e nazionale.  Gli scienziati sottolineano che il riscaldamento globale non deve superare 1,5°C, al fine di evitare grandi disastri. Ci resta poco tempo. Un gran numero di Paesi e organizzazioni già richiede misure senza precedenti, in modo che questo limite possa essere rispettato. E questo attraverso una transizione socialmente giusta, su misura per tutte le persone. Scendiamo in piazza – evidenziano – per la giustizia climatica, in Italia e nel mondo”.

“Sarà un evento storico, un evento per studenti e professori, un evento per famiglie e per tutti coloro che hanno a cuore il clima, un evento pacifico e non violento. Saremo tutti uniti per il clima – concludono -. Tutti uniti per garantire un futuro”.

Newsletter

Resta aggiornato sui migliori eventi in città. Vivi la tua #milanolife

Accetto il trattamento dati secondo i termini definiti da MailChimp ( ulteriori informazioni )

Dati utilizzati unicamente per erogare il servizio e non saranno utilizzati per altri fini ne ceduti a terzi. Puoi effettuare la cancellazione in qualsiasi momento

Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.