Area pedonale a Porta Genova a Milano, per il progetto “Piazze Aperte”

| |

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Ancora nessuna valutazione)
Loading...
Advertisements

Grazie al progetto “Piazze Aperte” durante la Design Week, ci sarà la presentazione di una nuova area pedonale a Milano. Il 6 marzo 2019 è stato infatti portato al vaglio degli esperti in urbanistica ogni disegno e progetto per fornire di strutture mobili la zona che giunge fino a  Porta Genova, per renderla più ordinata e più piacevole.

Advertisements

LEGGI ANCHE: Lavori sulla Linea Verde M2: ecco le vie chiuse per il cantiere

“Piazze Aperte” e riqualificazione urbanistica a Milano

Marco Granelli assessore, Assessore alla Mobilità del Comune di Milano afferma che: “La riqualificazione di una delle piazze più frequentate e di passaggio della città migliorerà l’utilizzo dell’area attorno alla stazione, creando un presidio e migliorando la qualità dello spazio pubblico”.

Si spera che l’inaugurazione del nuovo progetto, la nuova area, si riesca a effettuarla durante la Design Week. Per tale evento infatti, saranno centinaia di migliaia le persone che popoleranno questa zona della città”. Saranno 4.100 i mq che si aggiungeranno agli altri 1.200 che già sono pedonali.

Il lavoro prevede che il piazzale tra via Ventimiglia e via Barbavara, per un totale di 4.100 metri quadri di area divengano pedonali.  Sarà però permesso il trasporto pubblico, come l’accesso per chi  è residente nel piazzale di Porta Genova 2.

LEGGI ANCHE: Un piano antidegrado per la stazione Centrale: un giardino riservato ai bambini

Strisce bianche e blu, rimossi posti auto, panchine, piante, vasi e rastrelliere

Strisce bianche e blu coloreranno il tratto che porta dalla fermata della M2. Più di una panchina, pianta, vaso e rastrelliera andranno ad abbellire e contornare le strisce. La fermata dei taxi verrà portata fuori dalle aree pedonali e alcuni parcheggi, in parte non regolari saranno rimossi.

Grazie a “Piazze Aperte” le varie zone saranno più vivibili e a misura di uomo. Alcune vie rimarranno inalterate: via Vigevano, corso Colombo e via Valenza. La parte centrale della piazza però sarà inibita ai mezzi privati. La stazione del Bike sharing rimarrà intoccata, il chiosco sulla piazza, subirà uno spostamento di pochi metri.

Ogni fermata della linea tramviaria 2 l’accesso alla zona pedonale del piazzale di Porta Genova subiranno una riqualificazione, così come tutte le fermate del tram e del bus 74.

LEGGI ANCHE: Milano 2030, arriva il progetto: 20 nuovi parchi, una circle line ferroviaria e case a prezzi bassi

Il progetto “Piazze Aperte” e collaborazioni

Bloomberg Associates, il supporto di Nacto Global Designing Cities Initiatives, il Comune di Milano, l’associazione Retake Milano e il Colorificio Sammarinese, collaboreranno al programma. Milano entro l’anno 2030 vedrà valorizzata ogni piazza.

Si tratta di rendere agevole ogni luogo di aggregazione al centro dei quartieri. Gli spazi pubblichi dovranno e saranno migliorati, ci saranno più zone pedonali e il capoluogo lombardo migliorerà la vita ai suoi residenti. L’ambiente ne trarrà vantaggio di sicuro e sarà più invitante anche per il turismo.

Bogotà a Buenos Aires, Sao Paulo, New York City e Los Angeles, Addis Abeba, e Bombay e  Milano, attraverso altri  interventi di carattere sperimentale a Piazzale Angilberto II e Piazza Dergano hanno aderito al progetto “Piazze Aperte”.

LEGGI ANCHE: Corso Sempione come gli Champs Elysées entro il 2020: parte il progetto di riqualificazione

Newsletter

Resta aggiornato sui migliori eventi in città. Vivi la tua #milanolife

Accetto il trattamento dati secondo i termini definiti da MailChimp ( ulteriori informazioni )

Dati utilizzati unicamente per erogare il servizio e non saranno utilizzati per altri fini ne ceduti a terzi. Puoi effettuare la cancellazione in qualsiasi momento

Previous

A Milano tornano i Falchi pellegrini, il Pirellone li ospita

Lo spettacolo dell’Hanami a Milano: dove ammirare i ciliegi in fiore

Next

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.