ricorso multa enjoy

Per non incorrere sulla Multa strisce blu a Milano, dal 31 marzo 2019 scatteranno nuove regole. In città non sarà più possibile l’acquisto delle tessere da grattare per pagare la sosta nei parcheggi. Ci saranno nuove modalità che prevedono ci sia un’annotazione del numero relativo alla targa di chi è in sosta vietata.

Multa strisce blu Milano: costo e funzionamento

Dal 31 marzo 2019 i pagamenti per la sosta vietata della Multa strisce blu a Milano avverranno solo tramite sms, app e parcometri. Dal 1° maggio la targa verrà inserita mentre si paga la sosta. Il parcometro non emetterà più l’attuale ticket da mettere in mostra . Gli ausiliari del traffico controlleranno chi è in sosta e il relativo pagamento, digitando il numero della targa sul palmare.

I parcometri ci saranno ancora per aiutare chi non è abile con la moderna tecnologia. La sosta si potrà pagare anche con carta di credito o Bancomat. Si potrà sostare per la durata di un’ora, inviando un sms al 48444 scrivendo il codice dell’area di parcheggio. Ben 100 sono le persone che controlleranno le soste a pagamento, ognuno di loro avrà un palmare e strumenti necessari per la fotografia delle targhe. La multa Multa strisce blu a Milano ammonta a 42 euro.

Fino ad ora era possibile ricorrere per la multa dovuta al ticket scaduto. Ora non è più possibile farlo. La multa  strisce blu per il ticket scaduto costa 28,70 euro. Se la multa viene pagata entro 5 giorni dalla contestazione, scatta inoltre uno sconto del 30%. La scadenza dei 5 giorni verrà aumentata se la notifica avviene di sabato, di domenica o in altri giorni festivi, come ad esempio il 25 dicembre, 1 maggio, 25 aprile.

Per approfondire:

Autovelox viale Fulvio Testi Milano: mappa aggiornata

Multa strisce blu: ricorso

Il ricorso alla multa strisce blu a Milano e negli altri luoghi dovrà essere presentato entro 60 giorni dalla notifica del verbale. La multa potrà essere contestata anche se non c’è più il ticket. Se non esistono parchimetri gli automobilisti possono parcheggiare gratuitamente.

Il ricorso deve essere presentato entro 60 giorni dalla notifica del verbale. In  caso che il prefetto rigetti l’istanza l’importo da pagare della multa subirà una maggiorazione del 10%. Dopo il decorrere di 5 anni la multa va in prescrizione.

Il pagamento della sosta digitale è stato preannunciato da ATM a Milano lo scorso dicembre 2018. L’innovazione è lo smartphone per la rilevazione.  Il parcheggio sulle strisce blu tramite parcometro deve rispettare l’obbligo di inserire la targa alla colonnina.

La verifica sulla regolare modalità di pagamento avverrà in modo più immediato da parte degli ausiliari al traffico. La multa strisce blu a Milano dovrebbe risultare più controllabile, gli automobilisti dovranno fare attenzione per non commettere infrazioni.

Gli eventuali moduli per il ricorso vanno reperiti online o presso il comune di Milano.

Per approfondire:

Autovelox: in arrivo a Milano altre 10 telecamere

Newsletter

Resta aggiornato sui migliori eventi in città. Vivi la tua #milanolife

Accetto il trattamento dati secondo i termini definiti da MailChimp ( ulteriori informazioni )

Dati utilizzati unicamente per erogare il servizio e non saranno utilizzati per altri fini ne ceduti a terzi. Puoi effettuare la cancellazione in qualsiasi momento

Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.