in

Befana a Milano: la guida agli eventi dell’Epifania in città

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Tantissimi eventi in calendario per questa Befana a Milano. Ecco la guida agli eventi dell’Epifania in città. Tra mostre, mercatini, cortei e piste di pattinaggio.

Befana a Milano: la guida agli eventi dell’Epifania in città

Classico ed immancabile appuntamento dell’Epifania meneghina e il primo fra tutti è il tradizionale Corteo dei Re Magi. Da piazza Duomo, più di 100 vestite con costumi storici, giungeranno a Sant’Eustorgio.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Ultimi giorni per visitare Palazzo Marino e  il consueto appuntamento natalizio con l’arte. Potrete ammirare gratuitamente, nella Sala Alessi, l’Annunciazione di Filippino Lippi, suddivisa due opere separate, “L’Angelo annunziante” e l“L’Annunziata”. Sempre a Palazzo Marino  ultimi giorni per visitare il tradizionale presepe.

Mercatini Natalizi

Ultimi giorni per visitare il villaggio di Natale più grande d’Italia, Il Sogno del Natale, aperto con una settimana di ritardo sul calendario e le tipiche casette di legno ai piedi della Madonnina in Piazza Duomo un’esposizione delle nostre tradizioni e della nostra cultura natalizia. I Mercatini di Natale di Porta Venezia, all’interno della cornice dei Giardini Idro Montanelli, dopo aver spedito le lettere dei più piccoli in Lapponia e presentato loro Babbo Natale, sono pronti a presentare loro la Befana in persona.

Piste di pattinaggio sul ghiaccio

Se visitate il Villaggio delle Meraviglie di Porta Venezia, non potete non fare un giro sulla pista di pattinaggio presente nella splendida cornice dei giardini Indro Montanelli. Ultimi giorni per fare un giro anche sulla pista a Il Centro, il centro commerciale di Arese, dove a breve dovrebbe sorgere la più grande pista da sci al coperto, lo Skydome.

Tutte le piste da pattinaggio sul ghiaccio di Milano e provincia le trovate qui >> Pattinare sul ghiaccio a Milano 2019: ecco dove andare

Mostre della Befana a Milano

Se siete in città non potete non approfittare dell’iniziativa Domenica al Museo. Da tenere in considerazione anche il calendario di aperture straordinarie, tra cui il celebre Cenacolo, visitabile gratuitamente ogni prima domenica del mese, previa prenotazione.

Palazzo Reale 

La collezione Thannhauser del Guggenheim Museum a Palazzo Reale è una delle più prestigiose raccolte americane di arte moderna europea. Dipinti, sculture e opere grafiche di artisti impressionisti, postimpressionisti ed esponenti delle avanguardie storiche. Tra le opere esposte Edgar Degas, Édouard Manet, Claude Monet, Paul Cézanne, Pablo Picasso e Vincent van Gogh. Un percorso nell’arte europea tra Otto e Novecento che merita la pena di esser fatto. La mostra di Giorgio De Chirico, sempre in esposizione a Palazzo Reale, intende proporre al grande pubblico una visione d’insieme, approfondita ed esaustiva, delle opere più significative del pittore. Le opere presenti che copriranno tutto il periodo che va dal suo primo soggiorno a Parigi, avvenuto nel 1912. Si passerà poi al periodo d’incontro con le avanguardie. Le influenze significative di Picasso ed Apollinaire. Ci sarà poi il viaggio a New York del 1938 e la Biennale del 1940.

Mudec

Da visitare la mostra “Sogni d’Oriente. Monet, Van Gogh, Gauguin, gli Italiani e il Giappone” al Mudec. La mostra analizza l’influenza che la cultura giapponese ha esercitato sugli europei intorno alla seconda metà dell’Ottocento. Il periodo coincide con la fine dell’isolazionismo del Giappone, terminato con una serie di trattati. I nuovi accordi commerciali così stipulati portarono in Europa i più disparati manufatti giapponesi.

Acquario Civico

Digital Whales è una mostra interattiva ed ecosostenibile che ha portato letteralmente le balene a Milano. Potremmo vedere da vicino apodogli, balenottere comuni, stenelle striate, globicefali, megattere ed orche. All’Acquario Civico, attraverso un’App, installabile sul proprio Device (cellulare o tablet), sarà possibile godersi uno spettacolo davvero unico grazie alla realtà aumentata.

Museo della Permanente

Se non l’avete ancora fatto, approfittate degli ultimi giorni di festa per visitare la mostra Raffaello 2020. In anteprima mondiale uno straordinario evento espositivo multimediale immersivo dedicato al grande pittore di Urbino, per celebrare il cinquecentenario della morte di uno dei più celebri artisti d’ogni tempo, la cui opera ha lasciato un segno indelebile nella pittura. Una mostra davvero imperdibile quella di I LOVE LEGO. Oltre 1.000.000 di mattoncini assemblabili in un gioco di colori e prospettive. La mostra non è riservata ai più piccoli, ma è stata pensata per incantare anche gli adulti. Il modo magico ed unico in cui vengono assemblati i mattoncini rendono uno dei giocattoli più comuni ed amati dai bambini, in delle spettacolari opere d’arte. Città, monumenti e avventure leggendarie.

Museo del Novecento

Il Museo del Novecento di Milano ospita al suo interno la mostra monografica di Filippo De Pisis, nome d’arte di Luigi Filippo Tibertelli. Un creativo fin dalla più tenera età, estrapola, assorbe e rimette nelle sue opere molte avanguardie del suo tempo, senza mai farsi catturare in uno stile in particolare. Sempre al Museo del Novecento le opere premiate ex-aequo al concorso indetto dal Comune di Milano, per la progettazione e la produzione di opere di arte contemporanea ispirate a Leonardo da Vinci. Le installazioni site-specific entreranno a far parte della collezione del museo e sono state scelte tra più di 80 progetti presentati. Natura, scienza e arte  sono i temi portanti delle opere vincitrici. Gli artisti propongono una profonda riflessione sui temi di sostenibilità e rapporto tra uomo e natura.

Fondazione Carla Sozzani

Alla Galleria della Fondazione Carla Sozzani ultimi giorni per visitare la mostra Silver Lake Drive della fotografa e regista Alex Prager. Le opere esposte, che spesso hanno come protagonista delle donne, sono ispirate da esperienze personali, dalla street photography, dalla cultura pop e dai film. Il suo stile richiama i film noir, i thriller, il melodramma e i polizieschi.

MUBA

L’obiettivo della mostra-gioco Natura al MUBA è quella di ampliare la capacità di osservazione dei più piccoli. Per farlo occorre fornire loro gli strumenti che possano facilitare l’esplorazione della natura. Ma non solo. Anche proponendo attività ed esperienze extra-ordinarie, ovvero quel tipo di cose che non sarebbero possibili nella natura. L’iniziativa stimola la curiosità attraverso le quattro categorie di percezione sensoriale. Ovvero spazio, materia, forma e colore, declinate in altrettante aree di gioco. Troverete anche delle installazioni che riproducono le forme presenti in natura per l’interazione con i più piccoli.

Fabbrica del Vapore

Alla Fabbrica del vapore da visitare è la mostra La Luna. E poi? 50 anni dall’allunaggio: storia e prospettive dell’esplorazione spaziale. Disposta sue due livelli, per un totale di 1000 metri quadrati, la mostra è proposta in occasione del 50° anniversario dello sbarco sulla Luna. Una mostra completa ed internazionale, che ci catapulta nell’Antica Cina di 2.200 anni fa, è quella dedicata a L’esercito di Terracotta e il Primo Imperatore della Cina, sempre alla Fabbrica del Vapore. La mostra è la più completa mai realizzata sull’Esercito di Terracotta, la necropoli di Xi’An e la vita del Primo Imperatore Qin Shi Huangdi. Presenti più di 300 riproduzio­ni, oltre 170 soldati e ancora carri, armi, armature, vasellame e oggetti di vita quotidiana ritrovati nella vastissima necropoli di Xi’An.

Palazzo Morando

La mostra “Milano anni ’60” a Palazzo Morando è un viaggio in un decennio, quello degli anni Sessanta, che segnò la rinascita economica e portò la nostra Milano ad esser la metropoli che è ora. Una raccolta di immagini suggestive che vedono la nascita di vere e proprie opere futuristiche per l’epoca e segnano il passaggio ad una nuova era.

Memoriale della Shoah

Da vedere le 18 tavole originali di Jean Blanchaert, nella mostra “100 giusti del mondo” presso il Memoriale della Shoah di Milano, la mostra racconta le storie di “giusti”, donne e uomini che, con integrità e coraggio, hanno messo a rischio la propria vita per difendere chi è stato vittima di discriminazioni.

Hangar Bicocca

Una mostra concepita come una composizione armonica di luce, energia e suono. Cerith Wyn Evans “….the Illuminating Gas” all’Hangar Bicocca, con una selezione di venticinque opere, tra nuove installazioni e vecchie produzioni, è la mostra più grande mai realizzata dall’artista.

Spazio Ventura XV

Una mostra interattiva, quella di Nikola Tesla Exhibition, per la prima e unica tappa in Italia dell’intero tour mondiale allo Spazio Ventura XV.

Museo della Scienza e della Tecnologia Leonardo Da Vinci

Ultimi giorni per visitare Fragility and beauty al Museo della Scienza e della Tecnologia Leonardo Da Vinci, l’esposizione che vuole creare un collegamento tra ricerca scientifica, tecnologia spaziale e pubblico sul tema dei cambiamenti climatici e dello sviluppo sostenibile, del loro impatto sugli ecosistemi terrestri e le conseguenze sul futuro del pianeta.

Fondazione Prada

Ultimi weekend per visitare Il sarcofago di Spitzmau alla Fondazione Prada. Una riflessione sulle motivazioni che guidano l’atto di collezionare e sulle modalità con le quali una raccolta è custodita, presentata e vissuta. Guardando al passato e ispirandosi al modello della Wunderkammer, la mostra sfida i canoni tradizionali che definiscono le istituzioni museali, proponendo nuove relazioni tra queste e le loro collezioni, tra le figure professionali e il pubblico dei musei. Training Humans è la prima grande mostra fotografica dedicata a immagini di training all’Osservatorio della Fondazione Prada. Repertori di fotografie utilizzate per insegnare ai sistemi di intelligenza artificiale (IA) come “vedere” e classificare il mondo. ln questa mostra Crawford e Paglen esplorano l’evoluzione delle collezioni di immagini di training dagli anni Sessanta a oggi.

Castello Sforzesco

Ultimi giorni per ammirare Leonardo a Milano al Castello Sforzesco, un’installazione che ci conduce nei luoghi di Leonardo durante i suoi soggiorni milanesi. Vengono ripresi monumenti, chiese ed edifici, ma non solo. Luci e suoni che ci riportano nella Milano vissuta da Da Vinci. Un tour virtuale della nostra città attraverso luoghi ancora presenti e conservati.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Caricando...

0

Vacanze di Natale a Milano: la guida agli eventi per bambini

Come un espositore da banco migliora il tuo prodotto