Caricamento Eventi

« Tutti gli eventi

Skydome: la pista da sci al coperto ad Arese

Evento Navigation

Dettagli

Data:
5 Novembre 2020
Categoria Evento:

Una pista da sci al coperto a Milano. Non è uno scherzo. Per molti sarà un sogno tramutato in realtà. Anche Milano avrà la sua pista da sci. Come a Dubai. Una mega pista da sci che sarà la prima, nonché l’unica, pista da sci al coperto d’Italia. Manca ormai poco al via libera per la realizzazione di questa struttura. Lo Skydome, così si chiamerà la pista da sci al coperto di Milano, sorgerà ad Arese. Proprio accanto al mega centro commerciale.

Skydome, il progetto di Arese

La pista da sci coperta unica in Italia verrà realizzata proprio proprio accanto al “Il Centro”, nato sulle ceneri dell’ex Alfa Romeo. Il progetto c’è ed è in cantiere da ormai due anni. Sindaci e regione sono favorevoli, quindi manca solo il via libera alla costruzione di questa pista da sci. Il modello su cui verrà realizzata questa pista da sci indoor è quello di Dubai. Un’idea dalle dimensioni faraoniche, creata per lasciare tutti a bocca aperta. L’ideatore del progetto èl’archistar Michele de Lucchi. La pista nascerà per stupire tutti. 350 metri di lunghezza per 60 di larghezza. Il dislivello raggiungerà i 60 metri. E non solo. Sarà aperta estate ed inverno, sempre pronta e ricoperta di neve.

L’accordo sulla riqualificazione  dell’ex area di Alfa Romeo

Mancano solo gli ultimi dettagli quindi per la realizzazione di questo Skydome dalle dimensioni titaniche. Dal Pirellone sembrano arrivare i primi segnali di sblocco del progetto che porterebbero alla sua realizzazione. La riqualificazione di quell’area davvero immensa, ormai dismessa, che apparteneva ad Alfa Romeo, è diventata una priorità. Dopo la realizzazione del centro commerciale “Il Centro”, sorto dalle ceneri della fabbrica automobilistica, manca solo la pista da sci a completare il progetto. Una pista davvero maestosa, sul modello di quella di Dubai, che porterà sicuramente un’ulteriore ventata di novità ad Arese e a tutta la città di Milano. Dopo moltissimo tempo, martedì scorso, si è finalmente riunita la segreteria tecnica in Regione Lombardia che si sta occupando dell’analisi del Piano. Erano presenti i tre sindaci coinvolti: per Arese Michela Palestra, Alberto Landonio per Lainate e per Garbagnate Milanese Davide Barletta. Dopo questa riunione dovrebbe esser presentata a breve la pubblicazione delle varianti urbanistiche per la realizzazione di questo mega progetto. Seguirà quindi una discussione nei tre consigli dei tre comuni interessati, ovvero Arese, Lainate e Garbagnate Milanese. Da queste riunioni mancherebbe solo l’ultimo passo. Ovvero far partire i lavori.

Non manca ora che sapere quando verrà posta la prima pietra e quando verrà stimata la consegna definitiva di questa faraonica pista da sci al coperto alle porte di Milano.

LEGGI ANCHE: Olimpiadi invernali 2026: vince Milano & Cortina

Aggiornamenti 2019

“Oltre che un successo storico per la nostra Regione, l’assegnazione delle Olimpiadi 2026 a Milano-Cortina rappresenta anche un grande volano per lo sviluppo economico del nostro territorio e per la sua riqualificazione. Grazie al lavoro costante della Regione Lombardia, l’Accordo di programma con i Comuni di Garbagnate, Arese e Lainate per il progetto dello Skydome va nella direzione giusta. Parliamo di una pista da sci indoor unica non solo in Italia ma anche in Europa, con i suoi 350 metri di lunghezza, 60 di larghezza e un dislivello di altri 60 metri, e sempre ricoperta di neve, anche d’estate.”

Hanno dichiarato i deputati della Lega Fabio Massimo Boniardi, assessore alla Sicurezza, Mobilità, Viabilità Fund Rising e Protezione Civile di Garbagnate, e Fabrizio Cecchetti, vicecapogruppo vicario della Lega alla Camera e Commissario del Carroccio a Milano.

“Un’opera avveniristica, che sarà accompagnata da altre strutture sanitarie, come il polo mondiale per il recupero dagli infortuni per gli atleti, e ricettive, tra le quali anche un hotel di lusso – numerose federazioni europee di sci sono già in fibrillazione per le prenotazioni -. E tutto questo esclusivamente a spese di un privato. Dunque, un’occasione più unica che rara, a maggior ragione se si tiene conto che un’eccellenza di queste dimensioni sarà una risorsa preziosa anche dopo la fine delle Olimpiadi 2026, a beneficio delle scuole e dunque dei nostri giovani nella pratica degli sport invernali. La Regione Lombardia ha già dimostrato grandi doti amministrative ed organizzative. Non è certo un caso se è stata premiata a Losanna con i Giochi invernali del ’26. Siamo certi che questo grande progetto sarà valorizzato come merita“.

 

Newsletter

Resta aggiornato sui migliori eventi in città. Vivi la tua #milanolife

Accetto il trattamento dati secondo i termini definiti da MailChimp ( ulteriori informazioni )

Dati utilizzati unicamente per erogare il servizio e non saranno utilizzati per altri fini ne ceduti a terzi. Puoi effettuare la cancellazione in qualsiasi momento

Luogo

Arese
Arese, Italia + Google Map: