in

Ortodonzia per adulti: come funziona l’apparecchio invisibile

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Quando si pensa all’apparecchio per i denti viene automatico associarlo all’età infantile, perché solitamente è proprio da bambini che si iniziano a correggere eventuali difetti come storture, malocclusioni, sporgenze e via dicendo. Negli ultimi anni però sono aumentati in modo considerevole gli adulti che scelgono di ricorrere all’ortodonzia e di motivi ne possiamo trovare diversi. Se da un lato i canoni estetici sono sempre più rigidi e tutti vogliono sfoggiare un sorriso da copertina, dall’altro è innegabile che oggi esistono soluzioni decisamente meno impattanti ed invasive rispetto al passato. 

Pensiamo ad esempio all’apparecchio invisibile, che permette di correggere la dentatura anche in età adulta senza provare disagio o imbarazzo. Completamente trasparente, questo apparecchio non si nota nemmeno e si può togliere in ogni momento perché non è fisso. Si tratta di una soluzione sempre più gettonata, proposta dai migliori studi dentistici specializzati in ortodonzia per adulti a Milano come Virzì. 

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Apparecchio invisibile: cos’è e come funziona

L’apparecchio invisibile è composto da un set di mascherine trasparenti, dentro alle quali vanno incastrate le arcate dentali. Esteticamente dunque si nota appena, ma fa il suo dovere consentendo di correggere un disallineamento o una malocclusione anche in età adulta. L’apparecchio invisibile non è fisso, il che rappresenta un grandissimo vantaggio in quanto permette di pulire i denti senza alcun problema (cosa che invece non sarebbe possibile con un apparecchio ortodontico fisso). 

Grazie a queste mascherine, che vengono realizzate su misura per ogni paziente dopo uno studio approfondito della bocca e della disposizione dei denti, è possibile correggere vari difetti ma è bene precisare che non sempre il problema può essere risolto con questo strumento. Nei casi più gravi è ancora necessario ricorrere ad apparecchi tradizionali, almeno in una prima fase. 

Quanto tempo va tenuto l’apparecchio invisibile

Come abbiamo accennato, l’apparecchio invisibile è composto da un set di mascherine che vanno progressivamente cambiate mano a mano che i denti raggiungono l’allineamento corretto. Ogni 0,1 mm di spostamento dei denti dunque va cambiata la mascherina, fino al raggiungimento del risultato desiderato. Ne consegue che l’apparecchio invisibile è altamente personalizzato e non è possibile stabilire una tempistica universale. Per alcuni pazienti potrebbe essere necessario un trattamento di 6 mesi mentre per altri potrebbero volerci 12 mesi per correggere completamente il difetto. Generalmente comunque non si superano mai i 18 mesi totali. 

I vantaggi dell’apparecchio invisibile in età adulta

Se oggi molti adulti scelgono di ricorrere all’ortodonzia lo fanno perché esistono soluzioni come l’apparecchio invisibile, che consente di ridurre al minimo il disagio e non solo dal punto di vista estetico. Certamente il fatto di poter sorridere senza sentirsi in imbarazzo significa molto, ma non è l’unico vantaggio di tale soluzione. L’apparecchio invisibile è infatti mobile, dunque lo si può togliere senza problemi durante le operazioni di pulizia dei denti e anche questo è un elemento importante, che fa la differenza. Inoltre, parliamo di una soluzione completamente personalizzata e sicura, che non provoca dolore e che risulta anzi confortevole. 

StudioVirzì, Viale Abruzzi 69 Milano. 

Dir. San. Dott. Mauro Virzì Citarra. Albo degli odontoiatri di Milano. N. iscrizione ordine 3134.

Informazione sanitaria ai sensi delle leggi 248/2006 e 145/2018. 

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Caricando...

0
Zona arancione in Lombardia

Zona arancione in Lombardia: rischio da lunedì 11 gennaio

Milano e Lombardia zona rossa dal 15 gennaio

Milano e Lombardia zona rossa dal 15 gennaio: è una seria possibilità