È morto il ragazzo che ieri mattina era stato colpito alla testa da una trave mentre lavorava. Trasportato d’urgenza in ospedale, privo di conoscenza, si è spento nella mattinata di oggi. Un’incidente sul lavoro su cui ora indaga l’Agenzia tutela salute. Il ragazzo si chiamava Alessandro Vezzoli, nato a Romano di Lombardia, in provincia di Bergamo, 28 anni fa.

LEGGI ANCHE: Infortunio a Milano: ragazzo in fin di vita

L’incidente è avvenuto ieri mattina all’interno del parcheggio in via Giovanni Battista Soresina, in zona Washington a Milano, dove stava lavorando. È stato colpito alla testa da un tondino di ferro. Sul posto erano intervenuti prontamente i mezzi di soccorso, che lo aveva stabilizzato e liberato dal tondino, prima di trasportarlo d’urgenza all’ospedale Niguarda. Dalle prime ricostruzioni sembra che Alessandro non indossasse il caschetto di protezione al momento dell’incidente. Si trovava su un ponteggio al piano -6, mentre i colleghi gli passavano dei tondini di ferro dal piano -5. Una di queste è scivolata e lo ha colpito in testa, trapassandogli il cranio.

Newsletter

Resta aggiornato sui migliori eventi in città. Vivi la tua #milanolife

Accetto il trattamento dati secondo i termini definiti da MailChimp ( ulteriori informazioni )

Dati utilizzati unicamente per erogare il servizio e non saranno utilizzati per altri fini ne ceduti a terzi. Puoi effettuare la cancellazione in qualsiasi momento

Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.