La caccia all’uomo, iniziata subito dopo il  ritrovamento del cadavere del bimbo di due anni, ha dato i suoi frutti. È infatti stato ritrovato il padre, che dopo aver dato l’allarme era scomparso dalla scena del crimine.

Per approfondire >> Bimbo trovato morto a Milano: segni di violenza sul corpo

Trovato il padre del bimbo morto a Milano: scomparso dopo aver dato l’allarme

È stato fermato poco dopo il padre del bimbo trovato morto. L’uomo è Aljica Hrustic, 25 anni, croato d’origine ma nato a Firenze. Attualmente è sospettato dell’omicidio del figlio Memhed, che all’arrivo dei soccorsi, si trovava in casa con la madre. Si trovavano entrambi all’interno dell’abitazione Aler, che la famiglia occupava da un paio di mesi. La madre di Memhed, Silvjia, una croata di ventitré anni al quinto mese di gravidanza, è stata portata in Questura per esser interrogata. Lì avrebbe dichiarato che l’uomo, prima di chiamare i soccorsi, avrebbe picchiato il piccolo.

Trovato il padre del bimbo morto a Milano: in stato di arresto

È stato bloccato in tarda mattinata in zona Giambellino. Poche ore dopo la telefonata fatta dal ragazzo ai soccorsi. Messi in allarme i soccorsi sono arrivati tempestivamente, ma non hanno potuto far altro che constatarne il decesso. Il bimbo era nato a Milano il 6 gennaio del 2017. Al momento del ritrovamento di trovava disteso di fianco su di un divano. Sul corpo presentava diversi lividi e una ferita alla testa. Aveva anche i piedi fasciati, probabilmente per dei tagli.

Al momento le forze dell’ordine stanno indagando per chiarire la posizione dell’uomo nella vicenda.

 

Newsletter

Resta aggiornato sui migliori eventi in città. Vivi la tua #milanolife

Accetto il trattamento dati secondo i termini definiti da MailChimp ( ulteriori informazioni )

Dati utilizzati unicamente per erogare il servizio e non saranno utilizzati per altri fini ne ceduti a terzi. Puoi effettuare la cancellazione in qualsiasi momento

Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.