in

Maestro delle elementari aggredito durante un colloquio con i familiari

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Maestro delle elementari aggredito durante un colloquio con i familiari. È successo nel pomeriggio dell’11 dicembre 2018, in una scuola elementare di Comasina. Mentre gli insegnanti erano alle prese con i consueti colloqui con le famiglie degli alunni è scattata l’aggressione. Sembra infatti che lo zio di uno degli studenti abbia preso a pugni in faccia uno degli insegnanti. L’aggressione ha fatto finire in ospedale il maestro con ferite al volto e al naso.

L’aggressione nella scuola elementare di Comasina: i fatti

L’aggressione, ai danni di un maestro delle elementari, si è consumata martedì pomeriggio nella scuola elementare “Sorelle Agazzi” di piazza Gasparri, in zona Comasina. Erano circa le 17.30 quando si stavano ancora svolgendo i colloqui con gli  insegnanti.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Il maestro in questione, un uomo di quarantasei anni, avrebbe avuto una discussione accesa con la madre di un suo alunno, una donna di venticinque anni. La madre in quel momento si trovava ai colloqui con gli insegnanti in compagnia di suo fratello, e zio dell’alunno, un uomo di 28 anni. I motivi della discussione non sono ancora molto chiari. Ma l’epilogo è stato lampante ai presenti. Il 28enne avrebbe sferrato due pungi in faccia al maestro.

È stata chiamata subito l’ambulanza del 118 che lo ha portato all’ospedale Niguarda in codice verde. A scuola sono sopraggiunte anche le forze dell’ordine. I poliziotti ora stanno indagando per accertare0 cosa abbia scatenato la lite che ha portato all’aggressione. Sarà poi il maestro a presentare la denuncia contro l’aggressore.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Caricando...

0

Vodafone assume a Milano: tutte le posizioni aperte per il 2019

Atm: nuove barriere ed allarmi per combattere i trasgressori