Starbucks nuove aperture: 25 negozi nella nostra città

Condividi su Facebook
Starbucks ha in programma nuove aperture. Potrebbero arrivare a 25 i negozi nella nostra città. Starbucks è inarrestabile e continua la sua conquista della città meneghina. Dopo l’apertura e l’inaugurazione spettacolare del Reserve Roastery di piazza Cordusio, il 20 novembre 2018 ha aperto ufficialmente anche il negozio tradizionale di Corso Garibaldi. Ma il colosso americano non si ferma. Dopo le tantissime ipotesi sulle nuove aperture ecco finalmente giungere delle conferme. Super attesissimi i nuovi store della catena. Sabato 24 novembre 2018 sarà inaugurato ufficialmente lo store di piazza San Babila. A pochissima distanza dal negozio appena aperto in corso Garibaldi, ma non solo. Dopo pochi giorni, per l’esattezza il 29 novembre 2018 sarà la volta dell’apertura ufficiale dello store all’interno dell’aeroporto di Malpensa.

Le nuove aperture in giro per la città

A settembre la mega cerimonia d’inaugurazione della Reserve Roastery di piazza Cordusio, un vero e proprio tempio dedicato al caffè. Un mega store di 2300 metri quadrati che ospita al suo interno un centro di torrefazione del caffè. Il secondo negozio, aperto ufficialmente da questa mattina è invece il classico format a cui siamo abituati. In corso Garibaldi potremmo ritrovare il Frappuccino, il grande assente del primo store inaugurato in città. E non solo. Ci sarà anche il classico bicchiere con la sirena, speriamo questa volta che il nome venga scritto correttamente.

Se il 20 novembre è stato inaugurato lo store di 200 metri quadri in corso Garibaldi, è già arrivato il momento di una nuova apertura. Sabato 24 novembre aprirà il negozio di via Durini a San Babila. E la conquista non finisce qui. Il 29 novembre, al Terminal 1 dell’aeroporto di Malpensa, sarà inaugurato il nuovo store. Fino ad ora quindi 4 store, di cui una Roastery Reserve e tre negozi tradizionali, per un totale di 400 posti di lavoro.

Starbucks e i 25 negozi

«Abbiamo sottoposto la squadra di 28 ragazzi che lavoreranno nel negozio di corso Garibaldi allo ‘stress test’: abbiamo invitato a entrare una cinquantina di passanti a sorpresa e offerto loro un caffè, gratis. I giovani hanno reagito benissimo alla tensione», ha detto Roberto Masi, nuovo amministratore delegato di Starbucks Coffee company. In passato è stato parte del team che ha portato l’insegna Carrefour in Italia negli anni 90. Per un decennio ha guidato il gruppo McDonald’s e l’ascesa dei McCafé. Ora una nuova sfida lo attende.

I Percassi stanno individuano i negozi migliori dove installare i nuovi store in città. Ma a cosa sta puntando esattamente il colosso americano? I numeri sono riservati ma, dice Masi, «per essere efficiente (cioè redditizia) una città come Milano deve avere 20-25 negozi. Ma dipenderà da quanto il nostro caffè farà breccia».

La conquista italiana non si limita a Milano

La conquista italiana non si limita però alla città di Milano. Il progetto ideato prevede aperture anche a Roma, ovviamente nella zona del Vaticano, Firenze, Bologna, Verona, Venezia e Torino.

«Apriremo 12-15 negozi l’anno — aggiunge il manager — Piacere agli stranieri è facile ora ci misuriamo con i gusti degli italiani». Nella gastronomia verranno inseriti molti prodotti tipici italiani. Percassi ha quindi cercato l’eccellenza e ha trovato a Clusone un laboratorio artigianale che fa al caso. L’Atelier della famiglia Maringoni, con il supporto di Starbucks, ha costruito un centro di produzione. «Replichiamo il modello dell’accordo con Princi per le Roastery», ha spiegato Masi.

 

Newsletter

Resta aggiornato sui migliori eventi in città. Vivi la tua #milanolife

Accetto il trattamento dati secondo i termini definiti da MailChimp ( ulteriori informazioni )

Dati utilizzati unicamente per erogare il servizio e non saranno utilizzati per altri fini ne ceduti a terzi. Puoi effettuare la cancellazione in qualsiasi momento

Condividi su Facebook

Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.