Costo stanza privata Buzzi

Condividi su Facebook
quanto costa partorire al Buzzi

L’Ospedale dei Bambini di Milano è da quasi 100 anni, il punto di riferimento in campo materno e infantile, scopriamo insieme il costo di una stanza privata al Buzzi. Ogni anno in questa struttura nascono 3.500 bambini e circa 400 sono i prematuri curati in Terapia Intensiva Neonatale.

Non solo, sono tra 15.000 e le 20.000, le famiglie residenti e non a Milano, che si rivolgono al Pronto Soccorso Pediatrico del Buzzi, per ricevere le cure per i propri bambini.  L’ Unità Operativa di Ostetricia e Ginecologia è al secondo posto, per numero di nascite, della città di Milano e terzo in Lombardia. Ma vediamo il costo di una stanza privata al Buzzi e qual’è l’iter da seguire per la prenotazione.

Quanto costa partorire al Buzzi

Ambienti colorati, disegni di cartoni animati alle pareti, questo è l’allegra struttura dell’Ospedale Buzzi di Milano. Qualche esempio? La Radiologia è un meraviglioso acquario con tanti pesci dai mille colori, l’Ortopedia è un piccolo mondo popolato da maghi e fate e poi ancora tanti altri personaggi che popolano gli altri reparti, come amici del bosco, principesse e molto altro ancora.

Ogni primo sabato del mese, si tiene un incontro informativo, nell’aula magna del Buzzi, per ricevere tutte le informazioni sul reparto di Ostetricia e Ginecologia e fare domande. Le sale parte della struttura sono 6 e sebbene sembrino tantissime, il personale assicura che ci sono dei giorni in cui ce ne vorrebbero addirittura il doppio.

Travaglio e sala parto sono in una sola stanza, che non è assolutamente condivisa con altre persone e dove è possibile far entrare una persona di fiducia, solamente una, che può rimanere con la partoriente. All’interno di questa stanza, è presente un bagno privato con doccia. Contrariamente alle molte voci che circolano, al Buzzi la futura mamma può scegliere di partorire come vuole, sdraiata, accovacciata o in piedi, non a caso è presente anche lo sgabello olandese. E’ possibile partorire in acqua o trascorrere il solo travaglio in acqua, considerando però che la sala parto con vasca è solo una e quindi potrebbe essere occupata. Anche se le richiesta di parto in acqua è abbastanza bassa, circa il 5%.

Al Buzzi sono presenti delle camere solventi, ovvero private e a pagamento e sono solamente 4, numero veramente esiguo per l’elevata richiesta. Tuttavia il costo di questo tipo di camere, a meno che non si possiede un’assicurazione privata, è davvero oneroso. Si spendono dai 6.000 ai 12.000 euro per il pacchetto tutto incluso. La degenza è di circa 500 euro al giorno. Ovviamente per chi decide di usufruire delle camere private al Buzzi, ha tutta una serie di benefici, come la possibilità di far dormire la persone di fiducia in camera, un menù diverso ed orari delle visite a proprio piacimento. Il prezzo non copre però il vitto dell’accompagnatore che è di 6 euro + IVA per la colazione in camera e  22 euro + IVA per il pranzo o la cena in camera.

Se non ci sono particolari problemi la durata della degenza è di 48 ore dopo il parto naturale e 96 ore dopo il parto cesareo. Al Buzzi si effettua il rooming in, 24 ore su 24 e quindi il bambino potrà sempre rimanere in camera con la mamma. Infine ricordiamo ce è possibile richiedere un appuntamento con l’ostetrica o la caposala per ogni ulteriore informazione o dubbio, con l’unico problema che potrebbe saltare se in reparto si hanno urgenze o troppi parti in corso.

Ospedale dei Bambini Vittore Buzzi
Tel 02 5799.5357
lun-ven: 9.45-14.30/15.00-17.00
urp.buzzi@asst-fbf-sacco.it

Appuntamento per colloquio pre-natale

n. Verde Sanità 800 638 638 da n. fisso
da cellulare: 02 99.95.99
(lunedì/venerdì 7/20, sabato 8/20)

Newsletter

Resta aggiornato sui migliori eventi in città. Vivi la tua #milanolife

Accetto il trattamento dati secondo i termini definiti da MailChimp ( ulteriori informazioni )

Dati utilizzati unicamente per erogare il servizio e non saranno utilizzati per altri fini ne ceduti a terzi. Puoi effettuare la cancellazione in qualsiasi momento

Condividi su Facebook

Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.