Teatro Maciachini per l’adolescenza e l’infanzia: su il sipario!

Tre piani per 2.000 mq progettati dall’architetto Italo Rota

Si è alzato definitivamente il sipario sul nuovo Teatro Maciachini per l’adolescenza e l’infanzia progettato dall’architetto italiano Italo Rota e realizzato a cura di Generali Real Estate. La struttura fa parte del Maciachini Business Park.

Architettura originale

La nuova struttura di Via Giovanni Bovio 5 presenta caratteristiche architettoniche alquanto originali. Esternamente si tratta di un parallelepipedo alto 14,50 metri con una grafica di grande impatto: la scritta teatro, in un giallo molto luminoso, occupa infatti due intere facciate in altezza e in lunghezza.

La struttura si sviluppa su 3 piani per un totale di 2.000 mq e grazie all’ampia metratura si presta perfettamente agli usi più diversi.

La sala spettacoli

La sala principale, quella dedicata agli spettacoli, è alta 11 metri per circa 600 mq di superficie. La particolarità di questa sala è un innovativo sistema di tribune sollevabili e spostabili meccanicamente per permettere tre diverse configurazioni all’interno. Anche il pavimento è pensato per garantire la massima flessibilità possibile: due grandi piattaforme anch’esse sollevabili e spostabili meccanicamente.

L’altezza della sala può quindi variare per permettere un uso assai creativo di quinte e scenografie. La capienza totale è di 484 posti a sedere.

Gli spazi polifunzionali

Abbiamo già accennato a tutti gli spazi polifunzionali del teatro, essi comprendono un ampio foyer, una sala conferenze da circa 80 posti, 4 sale per attività didattiche e ludiche e un locale ristoro. Tutti i locali all’interno della struttura sono pensati per permetterne diversi utilizzi anche durante gli spettacoli in scena, senza disturbarne in alcun modo il perfetto svolgimento.

I singoli moduli della struttura possono funzionare in maniera completamente autonoma. L’ingresso di luce naturale, che regala luminosità a tutti gli spazi, è facilitata da ampie aperture verso il giardino interno e il parco all’esterno.

La programmazione della prima stagione

Venerdì e sabato scorsi, alla presenza delle massime autorità cittadine, è stata presentata alla città la programmazione che andrà in scena al Teatro Maciachini per la prima stagione. Il Teatro del Buratto, individuato dal Comune di Milano come gestore della nuova struttura, ha organizzato lo scorso weekend due giorni di apertura al pubblico con visite guidate, prove di teatro e laboratori per conoscere al meglio il nuovo gioiello della città.

Le parole del Sindaco Giuseppe Sala e dell’architetto Italo Rota

Il Sindaco di Milano Giuseppe Sala è entusiasta per la nuova struttura sorta in città: “con il Teatro Maciachini, l’offerta culturale dedicata alle famiglie e ai più giovani di Milano si farà sempre più ricca e coinvolgente”.

Più “tecnico” il commento dell’architetto Italo Rota: “il Teatro Maciachini è una costruzione che si configura come la crescita di un cristallo, con geometrie di volumi puri aggregati intorno al corpo del grande volume teatrale. Una macro grafica è segno distintivo di un edificio pubblico aperto a tutti i cittadini, che vive in simbiosi con lo spazio esterno del parco che lo accoglie”.

I primi eventi

I primi eventi in programmazione al nuovo Teatro Maciachini riguardano Bookcity Milano, una manifestazione voluta dal Comune di Milano che vedrà dal 17 al 19 Novembre il susseguirsi di incontri, iniziative, spettacoli e tanto altro.

Subito dopo, dal 20 al 26 Novembre, arriva al Teatro la prima edizione della Milano Music Week, una settimana di eventi interamente dedicati alla musica italiana, in tutte le sue declinazioni. 41 location diverse per 60 artisti che si alterneranno in concerti e dj-set, dibattiti e incontri, mostre e laboratori, rivolti a tutti gli operatori del pianeta musica.

Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato


*