Sexy shop e phone center esclusi dalla gara per i nuovi negozi in Galleria

Sexy shop e phone center esclusi dalla gara per i nuovi negozi in Galleria in virtù dei due posti in palio aprire uno spazio in Galleria Vittorio Emanuele ed in piazza Duomo, location al top per il commercio a Milano. [ad_out company=”google” format=”300×250.mobile”]Ma le nuove vetrine, vincitrici della gara pubblica indetta dal Comune di Milano, non dovranno essere occupate da phone center, money transfer, sexy shop, sale giochi, centri massaggi e agenzie di scommesse. Una lista nera in nome del decoro che di solito Palazzo Marino stila nei suoi spazi.
[ad_out company=”inread” format=”widget.all” opts-ctx=”all”]
La giunta comunale ha approvato le linee di indirizzo necessarie per indire i bandi di gara relativi a due spazi commerciali in scadenza di contratto. “La delibera – spiega Palazzo Marino – indica i parametri per arrivare al massimo profitto con i futuri affitti, visto che la Galleria è la gallina dalle uova d’oro per le esangui casse comunali. [ad_out company=”onetag” format=”300×250.mobile”]Ma anche, ormai, il regno delle griffe di lusso.””La differenziazione merceologica” – dice l’assessore a Bilancio e Demanio Roberto Tasca – “è uno dei profili attraverso i quali il Comune di Milano mira alla valorizzazione della Galleria. Queste linee confermano come il valore non sia un mero elemento di natura economica”. 

I locali che andranno alla gara pubblica sono il negozio Leo Pizzo in Galleria, la cui concessione scadrà il 16 novembre 2017 e Benetton con affaccio in piazza Duomo con scadenza il 31 dicembre 2017.  Per il primo potranno concorrere store per vendite di gioielli, di arredi di design o di opere d’arte, di prodotti alimentari di alta gamma o di marchi italiani di prestigio. [ad_out company=”onetag” format=”300×50.mobile”]Per gli spazi di piazza Duomo, ora occupati dalla Benetton, la gara sarà riservata a marchi con esperienza nella riqualificazione e gestione di ampi spazi.  Sono escluse l’attività di ristorazione e anche quelle usualmente indicate dai bandi comunali come, appunto, phone center e sexy shop.
[ad_out company=”advn” format=”in-text” opts-ctx=”all”]
La base d’asta sarà in Galleria di 1.600 euro a metro quadro, in piazza Duomo di 1.225 euro.

 

Be the first to comment

Leave a Reply

Your email address will not be published.


*