Milano, presto il design garage di Lapo Elkann

A Milano, presto il design garage di Lapo Elkann, nella ex stazione di servizio di piazzale Accursio, un luogo dove personalizzare le auto e un ristorante stellato. Era una vecchia stazione di servizio, abbandonata per anni,che presto diventerà, un hub creativo, con lo spazio per personalizzare le auto e un ristorante che porta il nome di uno chef stellato, Cracco.

Lapo Elkann dunque torna in pubblico, dopo la brutta storia del finto sequestro inscenato a New York nel dicembre scorso e dopo aver dato l’addio ai social network. E lo ha fatto a Milano,”che oggi è un punto di riferimento italiano nel mondo, non solo nella moda, nel design e nello stile ma è anche una piattaforma sulla quale investire”, per presentare tra le iniziative del Fuorisalone la personalizzazione di alcune vetture Bmw della sua società.

E proprio al Fuorisalone Elkann ha spiegato come sarà il progetto del design garage, così da per portare la sede della sua Garage Italia Customs a Milano nell’ex stazione di benzina di piazzale Accursio.

Una passione, quella di Elkann per le auto personalizzate, che non passa mai inosservata, tra 500 a quadretti e Ferrari mimetiche.

L’apertura è prevista a settembre, con un posticipo di qualche mese “perché vogliamo potenziare le soluzioni che abbiamo previsto”. In particolare, ha spiegato Elkann, “ci doteremo anche di tecnologia digitale e vogliamo coinvolgere non solo i migliori creativi italiani ma anche quelli internazionali”.

La location è  la stazione di piazzale Accursio, voluta come modello da Enrico Mattei e disegnata dall’architetto Mario Bacciocchi tra il 1951 e il 1953 per l’Agip, è ora in ristrutturazione su progetto dell’architetto Michele De Lucchi.  Lo spazio diventerà un design garage, dove artigiani e creativi da tutto il mondo personalizzeranno ogni tipo di auto, moto e barca a seconda dei propri gusti. Ci sarà anche un ristorante, gestito dallo chef Carlo Cracco.

LEGGI ANCHE: Milano capitale dello sport, gli eventi in arrivo

 

Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato


*