A Milano è boom di divorzi low cost

Condividi su Facebook

A Milano è boom di divorzi low cost dopo l’entrata in vigore della legge, nel dicembre 2014, sono più di 1.500 le coppie che hanno scelto la separazione o il cosiddetto divorzio facile. Da gennaio a novembre 2016 sono 978 gli accordi di divorzio e separazione in Comune: nel 2015 erano stati quasi la metà, 513.

Divorzio in Comune: la legge

Più di 500, invece, sono le coppie che hanno preferito la formula introdotta dalla legge 162/2014, ovvero la negoziazione assistita da avvocati: anche in questo caso non bisogna andare in tribunale, anche se i costi sono maggiori, visto che in Comune non è necessario avere accanto a sé un legale. Ed è forse proprio per i costi che questa scelta è in leggero calo: nel 2015 le coppie erano 304, quest’anno a novembre, 212.

I divorzi negli ultimi anni in città, sono aumentati, a prescindere dalla formula. Nel 2015 quelli consensuali sono stati 2.064 (più 1.258 giudiziali, quindi senza accordo tra le parti). L’anno prima c’era stato un boom: rispetto al 2013 il numero dei divorzi era aumentato del 52 per cento, passando da 1.516 a 2.315. Ci sono, poi, le separazioni: anche in questo caso quelle consensuali registrate nel 2015 sono state 2.571. Adesso, con i dati dell’Anagrafe, si può fare un bilancio dei primi due anni delle nuove formule di divorzio: quasi 700 quelli registrati quest’anno senza contare le sole separazioni, tra quelli che sanciscono la fine di un matrimonio civile (381) e in chiesa (315).

Divorzio in Comune: requisiti ed esclusioni

Questa possibilità però lo ricordiamo non è per tutti. Infatti lo scioglimento davanti all’ufficiale di stato civile è riservato solo a chi non ha figli minori o con handicap gravi o economicamente non autosufficienti, e soltanto se non ci sono patti di trasferimento di patrimonio. Questo serve a garantire la tutela di questi ultimi. A fronte del costo basso ci sono, però, tempi di attesa lunghi per ottenere un appuntamento. La media è di circa sei mesi: a quel punto, se la coppia risponde a tutti i requisiti per questo tipo di scioglimento, c’è una seconda chiamata, dopo un mese, per verificare che nel frattempo non ci siano stati ripensamenti. Soltanto a quel punto, e dopo aver pagato la tassa, parte la procedura di separazione o di divorzio, a seconda dei casi.

Divorzio in Comune: diritti di segreteria

La separazione veloce costa poco, solo 16 euro di diritti di segreteria e si fa negli uffici dell’Anagrafe di Milano, senza passare dalla sede del tribunale civile di via San Barnaba.

 

Newsletter

Resta aggiornato sui migliori eventi in città. Vivi la tua #milanolife

Accetto il trattamento dati secondo i termini definiti da MailChimp ( ulteriori informazioni )

Dati utilizzati unicamente per erogare il servizio e non saranno utilizzati per altri fini ne ceduti a terzi. Puoi effettuare la cancellazione in qualsiasi momento

Condividi su Facebook

Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.