Inaugurato il tratto ferroviario che unisce Lombardia e Svizzera

Lombardia

Finalmente è stato inaugurato il tratto ferroviario Arcisate-Stabio. I lavori iniziati nel 2009 sono giunti a conclusione. Durante il periodo festivo si continuerà con le prove di collaudo ed il 7 gennaio la nuova rotta ferroviaria verrà aperta ai viaggiatori.

Lombardia

Il nuovo tratto ferroviario che unisce Lombardia e Svizzera

I lavori iniziarono nel 2009. Ben otto anni sono serviti alla loro conclusione, quattro in più rispetto a quelli previsti. Diversi i problemi, sia di carattere economico ma soprattutto difficile si è rivelata l’opera di smaltimento delle terre in cui erano presenti grosse quantità di arsenico. Finalmente però, il 7 gennaio il nuovo tratto ferroviario verrà aperto ai passeggeri. Le linee saranno due: Varese-Lugano e Varese-Como, che passa per Chiasso. Si tratta del primo collegamento tra Lombardia e Svizzera senza stazione di confine. La città di Varese viene collegata alla città svizzera di Mendrisio passando, nel territorio italiano, per Induno Olona e Arcisate. La ferrovia attraversa poi la valle del torrente Bevera e si collega nella piana di Gaggiolo con con la linea Stabio-Mendrisio, delle ferrovie svizzere.

I lavori per la creazione della linea ferroviaria

I lavori effettuati sono stati tanti. Innanzitutto il viadotto lungo 450 metri che attraversa la valle Bevera. Poi le gallerie. Quella di Induno, di 950 metri e quella di Bevera di 970 metri. E infine il ponte di Baranzella di 40 metri.

Lombardia

La gestione del tratto ferroviario

Il nuovo tratto ferroviario che collega la Lombardia al Canton Ticino verrà gestito dalla compagnia Tilo, Treni Regionali Ticino Lombardia. Sono previsti biglietti transfrontalieri, validi sia nel tratto italiano sia in quello svizzero. Per raggiungere Stabio da Varese ci vorranno 16 minuti e 21 fino a Mendrisio. Il tempo di percorrenza della tratta Varese Ligano sarà di 48 minuti. Tra Varese e Bellinzona il tragitto sarà di 81 minuti e tra Varese e Como passando per Mendrisio di 41.

L’utilità della nuova tratta ferroviaria

Gli abitanti della zona da tempo lamentavano la carenza di infrastrutture per il collegamento tra Lombardia e Canton Ticino. Territorio verso cui centinaia di persone si spostano quotidianamente per motivi di lavoro. La mancanza di una linea ferroviaria ha fatto si che di anno in anno il traffico stradale aumentasse peggiorando. Grazie al nuovo collegamento ferroviario viene data la possibilità a lavoratori e semplici viaggiatori un’alternativa allo spostamento in auto. Con ripercussioni positive per i viaggiatori sia in termini economici che di tempi e di stress. E ovviamente un miglioramento della viabilità per strada per tutti coloro che non possono evitare di spostarsi in auto su di essa. Inoltre, la Regione Lombardia, sta finanziando la costruzione di piste ciclopedonali nei comuni di Induno Olona e Arcisate. L’intento è quello di fornire un’altra alternativa ancora di viabilità. L’apertura della tratta ferroviaria agevolerà anche il raggiungimento dell’aeroporto di Malpensa anche dalla Svizzera.

Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato


*