A Palazzo Reale una mostra celebra i cento anni de La Rinascente

Sono passati 100 anni da quando Gabriele D’Annunzio coniò il nome Rinascente per i grandi magazzini di Milano. Cominciava così una storia fatta di passione, talento e capacità di visione tale da suscitare, a partire dai primi del Novecento, un impatto innovativo sui modelli di consumo e sull’evoluzione che portò Milano ad affermarsi come motore economico dell’Italia postunitaria.

Per celebrare i 100 anni del suo nome, la Rinascente inaugura una mostra a Palazzo Reale a Milano dal 24 maggio al 24 settembre, nelle sale dell’Appartamento del Principe del piano nobile, “LR100. Rinascente. Stories of innovation”: un archivio multimediale, un collage di contributi che racconta come lo store meneghino sia diventato un importante player a livello europeo. Attraverso un’eccezionale varietà e quantità di opere d’arte, grafica, oggetti di design, immagini storiche e contributi inediti,il pubblico potrà scoprire come la Rinascente abbia scritto capitoli importanti nella storia del costume, della comunicazione e della grande distribuzione.

«Fu una vera rivoluzione se pensiamo che all’epoca, quando si usciva per andare a fare acquisti, ci si limitava ad entrare nel piccolo negozio per farsi confezionare l’abito e poi si usciva.

L’arrivo di Rinascente, invece, ha modificato in toto le abitudini sociali. Non si usciva più solo per comprare una determinata cosa, ma si andava ai grandi magazzini per incontrare le altre persone, per scoprire le ultime novità, o semplicemente per fare un giro. Un po’ come accade oggi!» ha commentato Vittorio Radice, vice president de La Rinascente.

Articolata su un percorso tematico dedicato agli ambiti in cui l’azienda ha dimostrato una straordinaria capacità progettuale: La storia della Rinascente dal 1865 ad oggi; Marcello Dudovich e la nascita della cartellonistica; Cinema e video; Cataloghi, house organ; La nuova comunicazione e la nuova grafica (1950-1970); Gli allestimenti e gli eventi; I nuovi consumi; Moda: la rivoluzione prêt-à-porter; Il Centro Design Rinascente; La nascita del Compasso d’oro (1954-1964); Lo scenario del futuro.

Una pagina di storia della città meneghina con spaccati sui grandi fenomeni sociali ed economici che accompagnarono la modernizzazione, l’emancipazione della donna, la storia della moda, la storia del design, accompagnata dalla proiezione di film e di testi di poeti e scrittori del tempo: da D’Annunzio, Quasimodo e Gadda a Zavattini e Calvino.

INFO

Milano, Palazzo Reale – Dal 24 maggio al 24 settembre.

Orari: lunedì dalle 14.30 alle 19.30; martedì, mercoledì, venerdì e domenica dalle 9:30 alle 19:30; giovedì e sabato dalle 9.30 alle 22.30.

Biglietti: 8 euro, ridotto 6 euro

Commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato


*